'O tir a gir' di Insigne diventa internazionale: meme, tatuaggi e pagina su Wikipedia
'O tir a gir' di Insigne diventa internazionale: meme, tatuaggi e pagina su Wikipedia

Da Frattamaggiore fino al tetto d’Europa, il ‘tir a gir’ di Insigne ha ormai conquistato un intero continente. Una magia che ha incantato tutta Italia in questi notti europee, che ci ha portato ad alzare la coppa di Euro 2020 al cielo. Ma, soprattutto, o ‘tir a gir’ è stato fonte di ispirazione per tutti i content creator. Per i meno esperti, gli inventori di meme. Da quando la competizione UEFA è iniziata, difatti, tutti hanno conosciuto la specialità di casa del numero 10 azzurro. Da Nord a Sud, arrivando anche all’estero.

Lorenzo Insigne e la specialità di casa: ‘o tir a gir’

Il capitano del Napoli ha già fatto innamorare il popolo napoletano con quel tiro, che però da quando è arrivato sui campi d’Europa ha conquistato l’intero Belpaese. Insigne parte dalla sinistra, si accentra e quando è in area sappiamo già cosa ci aspetta: tiro, la palle che gira, gira e gira ancora per poi finire in rete. Esattamente come è successo contro la Turchia e, ancora, contro il Belgio. Contro i diavoli rossi Lorenzo Insigne ha siglato uno dei gol più belli di Euro 2020. Quelle movenze sono diventate un patrimonio comune, al punto che sui social sono centinaia e centinaia i video in cui le persone tentano di replicare la magia del 24 di Frattamaggiore

La ‘replica’ di Chiesa ed il tattoo di Clementino

Anche quando Federico Chiesa ha segnato il gol che ha pesato come un macigno contro la Spagna, il riferimento al gesto tecnico di Insigne non è potuto mancare. Già, perché assomigliava e non poco a quello di Insigne: parte dalla fascia sinistra, si accentra, tiro e gol. Ma non è solo questo. Il rapper Clementino, infatti, ha deciso di marchiarsi la pelle con la frase ‘O tir a gir 24’, riferita ovviamente alla specialità dell’esterno partenopeo.

La voce su Wikipedia

Nelle ultime ore, addirittura, è spuntata su Wikipedia la voce ‘O tir a gir‘. Questo testimonia come la specialità di casa Insigne sia ormai arrivata ovunque diventando più di un semplice gesto tecnico. Se prima il ‘tir a gir’ era un modo per definire il limite dell’esterno napoletano, adesso invece è diventato un riconoscimento vero e proprio. Ma, soprattutto, è diventato uno dei ricordi più belli delle nostre ultime estati: quando abbiamo spalancato gli occhi al primo dribbling contro il Belgio su Tielemans, per poi alzarci al momento dell’esecuzione ed esplodere di gioia quando la palla finisce in rete. Che poi, infondo, tutti sapevamo dove fosse destinata a finire quella palla dal momento in cui, dalla sinistra, Lorenzo Insigne si era accentrato. È in quel momento, probabilmente, che il nostro numero 10 ha conquistato un altro tipo di azzurro. È così, in parole povere, che il ‘tir a gir’ ha unito tutta Italia.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.