Falsificazione di banconote e di metalli preziosi, utilizzo di carte di credito e Sim telefoniche clonate, vendita di documenti falsi, accesso abusivo a sistema informatico e riciclaggio. Sono le accuse che hanno portato a tre misure cautelari e a cinque perquisizioni da parte del Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza di Roma, coordinato dalla Procura della Repubblica di Brescia, al termine di una sofisticata indagine tecnica condotta nel mondo nel Dark Web.
L`attività di indagine ha preso avvio dall’analisi della offerta in vendita di documenti di identità falsi su piattaforme internet del Dark Web, risorsa informatica accessibile solo utilizzando browser che consentono di navigare in rete in completo anonimato. Grazie all`intuito degli investigatori, sono state avviate indagini tecniche sul territorio che hanno permesso di accertare come il soggetto principale svolgesse la propria attività illegale, unitamente ad altri due soggetti, nella città di Napoli.
Ulteriori riscontri svolti “sul campo”, resi peraltro difficoltosi dalle caratteristiche dei quartieri più popolari della città di Napoli ove risiedevano gli autori dei reati e venivano svolte le attività criminali, hanno consentito di appurare che i tre soggetti erano dediti alla compravendita di banconote false e oro contraffatto, oltre a utilizzare i proventi dell`utilizzo di carte di credito e Sim telefoniche clonate per acquistare beni di consumo da rivendere sul mercato locale.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.