Indagine sul super-cartello della droga di Imperiale, scoperti i messaggi con Rico
Raffaele Imperiale e Richard Riquelme Vega

Raffaele Imperiale avrebbe avuto un ruolo chiave nel business di un cartello internazionale di droga condotto insieme a Richard Riquelme Vega, alias Rico, arrestato nell’ottobre del 2017 e definito in patria: “Il cileno più pericoloso del mondo”. Come riporta La Repubblica proprio dalla memoria del telefonino di Rico emergono i messaggi indirizzati a Imperiale in cui parlerebbero in codice di coca “di buona qualità”. Scrive il 12 aprile 2016 Imperiale in inglese: “Ok hermano, se vuoi posso vedere”. Quindi Riquelme chiede: “Dove dobbiamo portarla”, quindi, arriva la risposta di Lello Ferrarelle: “Amsterdam hermano”.

Nello smartphone sarebbe stato trovato anche un video in cui il cileno compare insieme a Imperiale e al re della droga irlandese Daniel Kinahan. La prova di un super-cartello che da Dubai avrebbe  gestito l’importazione di quantità record di cocaina e di cui Imperiale è considerato il regista.

ARRESTO DI IMPERIALE, LA REAZIONE DEL VIMINALE

Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha espresso soddisfazione “per l’operazione della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza, coordinata dalla Procura di Napoli, che ha portato all’arresto a Dubai del narcotrafficante Raffaele Imperiale, inserito nell’elenco dei latitanti di massima pericolosità”.

La titolare del Viminale ha sottolineato come: “Grazie ad articolate e complesse indagini e alla proficua cooperazione internazionale giudiziaria e di polizia, anche attraverso le agenzie di Interpol e Europol, si sia riusciti ad assicurare alla giustizia un esponente di spicco del traffico internazionale di stupefacenti e del riciclaggio di denaro, che ha accumulato ingenti patrimoni illeciti soprattutto grazie alla vendita di cocaina”. “Un eccellente risultato – ha concluso il ministro Lamorgese – che dimostra ancora una volta la capacità delle nostre forze di polizia di contrastare i fenomeni criminali anche di carattere transnazionale”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.