rocco morabito cattura 'ndrangheta
Le foto di Rocco Morabito

Catturato il boss della ‘ndrangheta Rocco Morabito in Brasile. Arresto condotto attraverso un’operazione congiunta dei carabinieri del Ros e del Servizio di cooperazione internazionale di polizia, con la collaborazione di Dea, Fbi e dipartimento di giustizia statunitense. Morabito, ricercato dal 1994, era inserito nell’elenco dei 10 latitanti più pericolosi del Viminale.

Il boss già arrestato nel 2017 in Uruguay dopo 23 anni di latitanza. Due anni dopo riuscì a fuggire dal carcere di Montevideo dove era in attesa di estradizione in Italia.

Con Morabito è stato arrestato anche Vincenzo Pasquino, latitante originario di Torino, anche lui inserito nell’eleno dei latitanti pericolosi. All’indagine che porta all’arresto dei due collaboravano anche il gruppo dei carabinieri di Locri e quelli del comando provinciale di Torino.

L’EVASIONE DI MORABITO

Il 25 giugno del 2019 il boss della ‘Ndrangheta Morabito evase insieme ad altri tre reclusi dal carcere centrale di Montevideo, lì era in attesa di definizione del suo processo di estradizione verso l’Italia.

Il 53enne catturato nel 2017 in un hotel della capitale urugaiana dopo 23 anni di latitanza. Alla fine del marzo precedente un tribunale penale d’Appello confermò l’autorizzazione all’estradizione verso l’Italia. Era ricoverato con i suoi complici in osservazione nell’infermeria del carcere.

IL PIANO DI FUGA

La loro fuga avvenne attraverso un passaggio creato nel tetto, da dove si calarono in una fattoria confinante, dove rubarono denaro alla proprietaria.
Dopo la conferma dell’estradizione concessa in Appello, i legali di Morabito presentarono , come ultima opzione, un ricorso alla Corte suprema di giustizia. Il boss cercò di evitare il suo trasferimento in Italia, giungendo perfino ad insultare durante il dibattimento in tribunale la giudice per far sospendere il processo.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.