17.6 C
Napoli
domenica, Maggio 22, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Per Sarri l’inizio è in salita: pioggia di critiche dopo la finale persa contro Guardiola


Che non fosse stato un gioco da ragazzi, molto probabilmente, lo aveva preventivato anche lui. Del resto, la diffidenza verso le idee nuove che stravolgono i dogmi del passato è un ostacolo che caratterizza la Premier League. Basti pensare che lo stesso Guardiola continua ad essere beccato ad ogni mezzo passo falso, uno che non solo ha vinto qualsiasi cosa ma ha letteralmente riscritto il modo di giocare al calcio. No, non sarà per nulla facile per Maurizio Sarri e, come detto, è molto probabile che lo abbia preventivato. Il suo è un calcio meraviglioso, preciso al millimetro. Il sarrismo è una meravigliosa ossessione di possesso del proprio destino attraverso il possesso del pallone e, quindi, del gioco stesso. Il triennio sulla panchina del Napoli è un simbolo del calcio proattivo e futurista. Lo stesso Guardiola, non a caso, ha speso più volte profonda stima verso il lavoro del tecnico ex Napoli. Tuttavia, si sa, la bellezza non è mai figlia del caso.

Maurizio Sarri e Pep Guardiola, in uno scatto scenografico durante la finale di Community Shield – Google

Maurizio Sarri ha subito un duro attacco dopo la finale persa contro il Citydi Guardiola

Dietro c’è un lavoro certosino, durissimo, ci sono movimenti ripetuti centinaia di volte in allenamento. E’ chiaro che qualche settimana di lavoro non sarebbe bastata per trasformare il Chelsea in una macchina da bellezza. Eppure, i tifosi non sembrano aver preso bene la sconfitta in finale di Community Shield contro il Manchester City. Il Chelsea è ancora un enorme cantiere e chi si aspettava un lavoro bello e fatto è rimasto assai deluso. Questa amarezza, forse eccessiva, può essere spiegata ricordando il feeling particolare che caratterizzava i rapporti tra l’ex allenatore Antonio Conte e il popolo di Stamford Bridge. Maurizio Sarri ha chiaramente bisogno di tempo per costruire la sua macchina perfetta. Tempo che in pochi sembrano disposti a concedergli. Il Times lo ha criticato pesantemente all’indomani della finale di Coppa, accodandosi con approssimazione al malumore dei tifosi. La strada è già in salita per Sarri: se lo aspettava, ne siamo certi. Di Seguito, la critica durissima sulle colonne del Times.

Come la maggior parte dei suoi colleghi in Premier, l’ex tecnico del Napoli è un ideologo: non modificherà il suo approccio al gioco in base alle caratteristiche del suo organico, non si discosterà dai suoi principi. In realtà è questione di tempo, sappiamo che il calcio amato e praticato da Sarri è una questione di lavoro e identità. Anche a Napoli il suo avvio fu molto lento, ma a Wembley, Sarri ha perso un’occasione per mettere un trofeo nella sua bacheca. Non ha mai vinto alcuna competizione a Napoli, questo non gli ha impedito di essere un idolo. Ma non avrà la stessa indulgenza al Chelsea. Il suo duro lavoro inizierà da qui, ora che l’estate cederà il posto al fresco dell’autunno. E la sua panchina diventerà sempre più calda”.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Hannibal non dà tregua all’Italia, temperature ‘di fuoco’ fino alla prossima settimana

Hannibal non dà tregua: previsioni meteo con caldo torrido. Sarà una domenica più tipica di luglio che di maggio a livello...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria