Sassi contro il sindaco nel rione della camorra, la denuncia: “Brutale aggressione”

Il sindaco di Brusciano, Giuseppe Montanile, ha denunciato in un video pubblicato su Facebook di aver subito un’aggressione «da parte di personaggi noti alle forze dell’ordine che fanno da vedetta in una nota piazza di spaccio». È lo stesso sindaco a ricostruire i fatti che risalgono a ieri: «C’è stata una brutale aggressione nei miei confronti – spiega – con me c’erano anche due assessori e due consiglieri comunali in viale Borsellino. Stavamo andando via quando siamo stati aggrediti con una sassaiola. Questa amministrazione ha ricevuto più volte minacce perché hanno capito il lavoro che stiamo facendo in sinergia con le forze dell’ordine e gli altri enti».

Cita, il sindaco, il potenziamento delle forze dell’ordine concordato in occasione di un comitato per l’ordine pubblico a settembre scorso, la marcia per legalità e varie iniziative per rendere il paese più attraente. «Poche le iniziative o quasi nulla – rivendica – è stato fatto prima della mia amministrazione e sin dalla campagna elettorale questi personaggi mi minacciavano dicendo che non avrei fatto il sindaco. Ora questi episodi si stanno intensificando: la macchina dei vigili urbani rotta, il vetro della casa municipale frantumato, oggi l’aggressione. Invito i carabinieri a occuparsi della nostra sicurezza e ad arrestare subito i responsabili». «Le istituzioni – è l’appello di Montanile – si devono coalizzare affinché i delinquenti non pensino di essere padroni del territorio». E annuncia la convocazione nei luoghi dell’aggressione di un Consiglio comunale straordinario all’aperto. «Brusciano è delle persone per bene – conclude Montanile – e ce la prenderemo».

«Anci Campania condanna la brutale aggressione subita dal sindaco di Brusciano, Giuseppe Montanile, oggetto insieme a due assessori di una vigliacca violenza da parte di alcuni soggetti che sarebbero già noti dalle forze dell’ordine». A dirlo è il presidente di Anci Campania Domenico Tuccillo. «L’amministrazione del sindaco Montanile è impegnata per il rispetto della legalità e contro la criminalità. Non saranno certo queste intimidazioni a bloccare questo percorso. Esprimo a Giuseppe tutta la mia solidarietà e quella dell’Associazione dei comuni campani. Sono convinto che troverà, in questa battaglia per il rispetto della regole, la solidarietà e il sostegno della parte più sana e onesta della comunità bruscianese».