Scuole aperte in estate e nei fine settimana: il piano del ministero per la ripresa post-covid

SCUOLE APERTE IN ESTATE

A gennaio, con la speranza di una diminuzione dei contagi, potrebbero riaprire le scuole. Il covid, scoppiato in Italia da quasi un anno, ha tenuto lontani gli studenti dai banchi per diversi mesi. La ripresa post covid, però, potremmo trovarci dinanzi ad un calendario del tutto stravolto. Per recuperare le lezioni perse, infatti, si potrà posticipare l’ultimo giorno di lezione, restando quindi in classe anche in piena estate, e aiutare così i ragazzi che, con le lezioni online e i continui stop, sono andati in difficoltà. L’ipotesi a cui si sta lavorando è quella di restare a scuola fino al 30 giugno. E’ quanto anticipato sulle pagine de Il Messaggero.

La paura covid ha già posticipato di alcune settimane l’apertura delle scuole, ritardo che potrebbe essere recuperato agli inizio della prossima estate. Tanti istituti hanno dovuto chiudere temporaneamente per quarantene e sanificazioni mentre altri, tra gli istituti superiori, hanno dovuto adottare le lezioni da 45 minuti per garantire la turnazione dei docenti riducendo comunque la presenza. Un calendario e un orario dettati, quindi, dall’emergenza sanitaria. E allora sarà così anche per l’ultima campanella.

Scuola d’estate

E’ stata la stessa ministra Lucia Azzolina. Il progetto, nelle mani del governo, è stato già proposto alle Regioni visto che sono loro ad avere la competenza sul calendario scolastico: «Potrebbe essere possibile – ha confermato la ministra all’istruzione Lucia Azzolina, ieri, a l’Aria di domenica su La7 – lo abbiamo proposto alle Regioni, perché saranno loro a dover decidere. Certo, dobbiamo pensare alle strutture che abbiamo: ad agosto non si può fare scuola ma a giugno sì». La decisione potrebbe portare a difficoltà strutturali nel sud Italia. Le alte temperature negli istituti scolastici renderebbe necessari impianti di aria condizionata. Resta quindi un’opzione difficile da percorrere se non con un investimento massiccio sui plessi scolastici.

Scuole aperte nel fine settimana

Un’altra opzione sul tavolo del ministero è quella di lasciare le scuole aperte nel fine settinama per recuperare i giorni di lezione. Nasce, in questo caso, la difficoltà di far combaciare le esigenze di recupero con le abitudini delle famiglie. In questo caso la scelta di allungare la settimana spetta alla singola scuola che, autonomamente, decide in base alle necessità. Ma a livello nazionale l’idea è di allungare l’anno scolastico per recuperare le lezioni perse, fermo restando che l’emergenza Covid permetta di fare progetti a lungo termine.