23.1 C
Napoli
sabato, Maggio 21, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Sorpresi con armi, droga e anche un ordigno esplosivo: 3 arresti a Casoria


Le attività dei carabinieri, nella zona di Casoria, questa mattina hanno portato a ben 3 arresti. In tutti i casi, la motivazione sarebbe detenzione illecita di sostanze stupefacenti e armi. Ma non solo.

Arrestato 41enne di Casoria: sorpreso con una Beretta e droga

Prima un 41enne di Casoria, sorpreso con una Beretta e 7 proiettili in casa. I carabinieri della locale stazione hanno arrestato per detenzione illecita di sostanza stupefacente, ricettazione e detenzione abusiva di armi Fabio Messina. Durante un servizio a largo raggio i militari hanno perquisito l’abitazione dell’uomo e lì hanno rinvenuto e sequestrato una pistola Beretta calibro 22 rubata nel 2017 a Fiumicino con all’interno un caricatore carico di 7 proiettili ed anche altre 10 munizioni dello stesso calibro. In una busta, invece, i carabinieri hanno trovato 105 grammi di cobret ed altre 18 dosi della stessa sostanza. Gli agenti hanno sequestrato anche un bilancino di precisione.

Padre e figlio sorpresi con armi, droga e un ordigno esplosivo

Armi, droga ma anche una uniforme da Carabinieri. C’era tutto questo in un’abitazione di Arpino, frazione del comune di Casoria (Napoli). Ad essere arrestati, due uomini, padre e figlio. Prima in un terreno e poi in una casa in uso ai due familiari, i carabinieri del Nucleo operativo stella e gli agenti della Squadra Mobile di Napoli hanno trovato un vero e proprio arsenale. Due armi lunghe (di cui una con matricola abrasa), 4 pistole con matricola abrasa e 4 coltelli. E ancora 336 cartucce di diverso calibro, 10 ogive, 85 grammi di marijuana e 5 dosi già confezionate della stessa sostanza. ma anche una dose di cocaina, un manganello, 3 bilancini di precisione. All’interno dell’abitazione, i militari hanno rinvenuto addirittura un ordigno esplosivo e un’uniforme da carabiniere. Così, per il 54enne Antonio Lucarelli e per il figlio Pietro, 31 anni, sono scattate le manette. Le armi saranno sottoposte ad accertamenti balistici e dattiloscopici. L’ordigno, invece, sarà distrutto dai militari artificieri del Comando Provinciale di Napoli.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Butta i pannoloni sporchi sul balcone di 2 anziani, per smettere chiede 20mila euro

I carabinieri della stazione di Rieti hanno denunciato un 85enne del luogo, incensurato e insospettabile, per il reato di...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria