Sorrento, campagna elettorale in stile Gomorra:«Coppola s’adda abbattere»

Campagna elettorale stile Gomorra in quel di Sorrento. Protagonista suo malgrado Massimo Coppola, uno dei quattro candidati a sindaco nel centro della penisola sorrentina. Coppola viene infatti ripetutamente tirato in ballo in una chat della maggioranza. Chat dove sono presenti il sindaco, assessori e consiglieri. Le conversazioni risalgono ad un periodo tra maggio e giugno, quando gli schieramenti elettorali andavano delineandosi. Un esponente della maggioranza parla di Coppola in termini crudi. A riportare la notizia Il Desk. Coppola è oggetto di attacchi da parte dei esponenti della maggioranza che addirittura citano Gomorra facendo intendere la volontà di ridimensionare politicamente l’avversario. A fare infuriare la maggioranza i reiterati attacchi di Coppola all’amministrazione, durante alcune dirette Facebook.

La citazione da Gomorra: campagna elettorale al veleno a Sorrento

Quindi l’esplicito richiamo a Gomorra, con una frase del boss Pietro Savastano: «Le scimmie (Coppola, ndr) so’ belle quando fanno quello che dice il padrone. Perché quando vogliono fare quello che vogliono loro, s’anna abbattere». Parole pesanti. Un linguaggio violento applicato a dinamiche politiche. Sul punto è intervenuto lo stesso Coppola:«Certi toni non dovrebbero appartenere a chi si candida ad amministrare una città come Sorrento. Soprattutto non è questo il confronto che vorremmo avere con i nostri competitor. Detto questo non sono affatto intimorito da questi toni, anzi sono ancora più motivato. Dobbiamo dare a questa città una amministrazione di persone serie e lontane da certe logiche».

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.