14.7 C
Napoli
domenica, Febbraio 25, 2024
PUBBLICITÀ

Spaccio nel Napoletano, il figlio minorenne eredita gli affari dal papà

PUBBLICITÀ

Emerge uno spaccato poco edificante della cosiddetta famiglia tradizionale dall’ultima indagine della Direzione Distrettuale Antimafia che ha colpito il clan De Bernardo. Infatti dalle carte dei magistrati è stata riscostruita l’attività di spaccio condotta da padre, madre e figli nel Parco del Sole a Somma Vesuviana. 

Come spesso accade la droga è stata ordinata telefonicamente con un linguaggio criptico, infatti, gli interlocutori hanno usato espressioni come mazzi di carte e damigiane di vino bianco. Solitamente al telefono hanno risposto Mirra senior e la moglie Rosaria Brandi i quali hanno chiesto ai clienti di raggiungerli nei pressi dell’abitazione familiare.

PUBBLICITÀ

UNO SPACCIO FAMILIARE

Dal 2017 al 2019 Luigi Mirra, detto ‘o pisciauolo, è stato aiutato nello spaccio dalla moglie poi è stato poi sostituito dal figlio Enrico, quest’ultimo all’epoca dei fatti era minorenne. La svolta familiare è arrivata nel febbraio 2019 dopo l’arresto del capofamiglia e, quindi, gli affari dell’uomo sono stati ereditati dal 16enne. In diverse telefonate intercettate è stato possibile registrare le parole pronunciate dal giovane ai clienti: “E vieni dai…vieni a casa!” e “Eh vieni…vieni compagno mio, vieni a casa!“.

IL CLAN DE BERNARDO E IL CONTROLLO DEL TRAFFICO DI DROGA

Il clan ha esteso il controllo sulle principali piazze di spaccio di Somma Vesuviana, infatti, tutti i pusher erano obbligati a rifornirsi della droga dal gruppo guidato da Roberto De Bernardo. Inoltre le indagini hanno accertato che attraverso la forza prevaricatrice e l’influenza egemonica sul territorio, il clan ha imposto rapidamente l’attività sul territorio vesuviano, gestita dagli altri affiliati per conto di De Bernardo e del ras Daniele Baselice. Invece i pusher indipendenti hanno pagato periodicamente una quota “estorsiva” agli esattori del gruppo.

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Alessandro Caracciolo
Alessandro Caracciolo
Redattore del giornale online Internapoli.it. Iscritto all’albo dei giornalisti pubblicisti dal 2013.
PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Volano le coltellate nel carcere di Avellino, un detenuto è grave

E' scoppia una rissa a coltellate tra detenuti nel carcere di Bellizzi Irpino. A darne notizia la Segreteria UILPA...

Nella stessa categoria