Trema lampadario e merce distrutta nei supermarket, le immagini da brividi del terremoto in Calabria

Terremoto in Calabria, scossa molto forte in provincia di Cosenza: paura tra la popolazione e controlli dei vigili del fuoco. Una scossa di terremoto di magnitudo compresa tra 4.3 e 4.8 è stata registrata nella zona di Cosenza e Rende alle 17.02 di ieri pomeriggio. Lo riferisce l’Ingv su Twitter. Paura tra la popolazione: la scossa è stata sentita molto distintamente nella zona di Paola e nei comuni di Acri e Amantea e anche in città più distanti come Lamezia Terme e Catanzaro.

Risultato immagini per rende

https://cosenza.gazzettadelsud.it/
https://cosenza.gazzettadelsud.it/

LA SCOSSA
Una scossa di terremoto, di magnitudo di 4.4, è stata avvertita alle 17.02 in provincia di Cosenza, a 2 chilometri da Rende. Lo segnala l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) su Twitter. La scossa è stata avvertita distintamente dalla popolazione, come si può leggere nei commenti alla notizia, ma non sono stati segnalati particolari danni al momento. I vigili del fuoco al momento sono impegnati in controlli e verifiche statiche.

OGGI SCUOLE CHIUSE Oggi le scuole di ogni ordine e grado a Rende e a Cosenza resteranno chiuse. È quanto é stato deciso nel corso di una riunione in Prefettura in relazione al terremoto di magnitudo 4.4 registrato oggi pomeriggio. La chiusura si é resa necessaria per consentire le verifiche da parte dei vigili del fuoco e dei tecnici comunali al fine di accertare eventuali danni strutturali subiti dagli edifici scolastici a causa della scossa.

L’ALLERTA: “POSSIBILE SCIAME SISMICO” Mario La Rocca, responsabile del laboratorio di sismologia della Calabria commenta il sisma di magnitudo 4.4 registrato alle 17 e 2 minuti di oggi pomeriggio nell’area urbana di Cosenza, con epicentro a Rende. «L’eventoi è in linea con la sismicità dell’area. Vista la magnitudo di questo terremoto c’è da aspettarsi ulteriori eventi di intensità minore nelle prossime ore o nei prossimi giorni. Scosse di assestamento – afferma La Rocca -sono il naturale decorso di eventi di questo tipo».