21.5 C
Napoli
sabato, Giugno 15, 2024
PUBBLICITÀ

Bottino milionario con le truffe alle anziane, in manette 37enne di Napoli

PUBBLICITÀ

Estorsione. Questo è il reato contestato dal Giudice per le Indagini Preliminari ad un 37enne di Napoli che, in 2 distinte occasioni, avrebbe sottratto con le minacce oggetti preziosi a 2 anziane. Le indagini della Polizia di Stato, coordinate dalla Procura capitolina, hanno consentito l’emissione della misura cautelare.

IL FINTO NIPOTE

I reati sono avvenuti nei quartieri di Nuovo Salario e Villa Gordiani, a distanza di più di un mese l’uno dall’altro. Lo schema per entrambi è quello tristemente noto del finto nipote: un telefonista, spacciandosi per un figlio-nipote in gravi difficoltà, chiede soldi all’anziano. A questa chiamata ne segue spesso un’altra di un finto funzionario pubblico e/o appartenente alle Forze dell’Ordine che, oltre ad avallare la prima telefonata, mette sotto pressione la vittima tenendola al telefono per non darle modo di chiedere aiuto. A questo punto alla porta si presenta “l’incaricato” per la riscossione. Il complice, ed è proprio questo il ruolo che avrebbe rivestito l’odierno indagato.

PUBBLICITÀ

In entrambe le indagini, condotte dal distretto Fidene e dal commissariato Tor Pignattara, l’incaricato non si è limitato a riscuotere, ma avrebbe aggiunto vere e proprie minacce per convincere le 2 anziane a consegnargli più soldi e gioielli di quelli che le donne avevano già preparato.

LE INDAGINI

Certosini gli accertamenti svolti anche con l’indispensabile apporto tecnico-scientifico del Gabinetto di Polizia Scientifica della Questura di Roma. Proprio grazie agli elementi acquisiti si è arrivati all’identificazione del 37enne. In base a quanto raccontato dalla donna agli inquirenti i truffatori si sono fatti consegnare gioielli, orologi e monete per un valore complessivo che raggiunge il milione di euro.

Gli indizi raccolti hanno permesso alla Procura di Roma di chiedere ed ottenere per l’indagato l’emissione di una misura cautelare da parte del Giudice per le Indagini Preliminari. La stessa misura è stata eseguita dai poliziotti di entrambi gli Uffici di polizia che, dopo aver rintracciato il 37enne a Napoli nella sua abitazione, lo hanno condotto nel carcere di Poggioreale.

 

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Clan Marino, mazzata anche in appello per i ras delle Case celesti

Quasi un secolo di carcere. Questa la decisione d’appello per ras e affiliati delle Case celesti di Secondigliano e facenti...

Nella stessa categoria