“Quello con Pd e Leu è un progetto che non ho declamato a caso ma che abbiamo iniziato anche a realizzare: ha già prodotto dei risultati, altri sono in corso di completamento, altri vanno ancora elaborati e realizzati: quella è una prospettiva a cui credo molto. Ci credo molto da politico, da privato cittadino e da ex presidente del consiglio. Continuerò a dare il mio contributo nelle modalità che decideremo insieme”.

Così Giuseppe Conte intervistato da il FattoQuotidiano.it che gli chiede sarà lui il perno dello schieramento per lo Sviluppo sostenibile.

“Il mio futuro immediato è il rientro a Firenze – ha detto Conte – da professore all’università: è terminata l’aspettativa e quindi riprenderò ad andare a Firenze“, replicando su quale sarà il suo immediato futuro, se sarà un futuro “politico” e in quali forme. “Ci sono tanti modi per partecipare alla vita politica: lo vedremo insieme agli amici con cui abbiamo lavorato e ai compagni di viaggio” risponde. 

https://www.facebook.com/877626452278294/videos/421971959064282

Poco meno di 1,2 milioni di “mi piace”, 303mila commenti, 133mila condivisioni. Il post di congedo di Giuseppe Conte su Facebook di ieri batte ogni record di sempre per un politico italiano. Per rendere meglio le dimensioni: nel 2020 il post con più like di un politico fu di Luigi Di Maio, che toccò quota 200 mila.

Il post di Conte

http://https://www.facebook.com/GiuseppeConte64/posts/1173371476478149

Il sito Mashable Italia ha messo in fila anche altri dati relativi al post in questione, che ha raggiunto oltre 11 milioni di utenti sul social network più popolare. Con lo stesso post, le reazioni totali (tra commenti, condivisioni) sono state oltre 2 milioni.

Un’altra analisi pubblicata da Formiche.net fa notare che il post in questione è stato quello con più interazioni nel mondo nelle ultime 24 ore. E che il 67 per cento degli ultimi 300 mila commenti era di natura positiva o comunque di incitamento.

Solo numeri? In parte sì, ma dipende. Negli ultimi anni un caso di studio analizzato con diverse ricerche è stato quello di Matteo Salvini, che rimane il politico con più mi piace (4,5 milioni) sulla propria pagina. Grazie anche alla cosiddetta “Bestia” e ad un uso spregiudicato in rete, il leader della Lega ha saputo imporre la propria centralità nel dibattito pubblico. Del resto oggi egemonia si fa anche così, con i like. Se poi effettivamente il fenomeno Conte si limiterà all’exploit di un periodo o meno – resta il fatto che adesso è il secondo politico più seguito con 3,7 milioni di fan – questo ovviamente oggi non è dato saperlo.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.

Pubblicità