19.2 C
Napoli
mercoledì, Maggio 18, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

VILLARICCA. CONSIGLIO COMUNALE: IN PRIMO PIANO L’EMERGENZA RIFIUTI


Si è tenuto ieri sera il consiglio comunale di Villaricca. L’assise si è riunita alle 19 nella sala al primo piano del palazzo municipale di piazza Maione per affrontare la spinosa questione di Cava Riconta, la discarica aperta per “decreto” da Guido Bertolaso, commissario straordinario per l’emergenza rifiuti in Campania, su incarico del governo. Il sindaco Raffaele Topo sottolinea l’impotenza che le istituzioni locali hanno avuto rispetto alla questione, invitando l’opposizione, ma anche la stampa le associazioni e i manifestanti a non strumentalizzare il caso: «cava Riconta non è un problema solo di Villaricca – commenta il sindaco – la situazione riguarda anche i comuni limitrofi, Giugliano e Qualiano per primi e soprattutto per motivi geografici, hanno il diritto-dovere di affrontare la situazione con gli organi istituzionali regionali e nazionali al fine di porre rimedio all’emergenza che va oltre l’apertura della cava». Il problema dei rifiuti non si risolve certo aprendo una cava ogni tanto, questo sottolinea il sindaco nel suo lungo intervento, ma è necessario che anche in Campania le cose funzionino come altrove, ovvero, utilizzando inceneritori, Cdr e siti di stoccaggio che il territorio ha il dovere di accogliere, per smaltire l’enorme quantità di rifiuti che vengono prodotti ogni giorno, ma è anche necessario assicurare ai cittadini l’assenza di rischi ambientali come naturalmente avviene altrove. «Abbiamo identificato i siti inquinati di tutto il territorio e insieme ai tecnici del governo – aggiunge il sindaco – abbiamo realizzato una mappa delle situazioni più a rischio per avviare un processo di bonifica serio e rigoroso del territorio». La bonifica dei siti inquinati, dunque, è la priorità per il sindaco Raffaele Topo, e non accetta che si parli di “ristoro ambientale”. Pur appoggiando con favore un eventuale intervento di bonifica sul territorio, la Cdl invece, punta direttamente sul ristoro ambientale, «ci spetta di diritto e ce lo prendiamo – commenta Francesco Guarino capogruppo di Forza Italia – vogliamo che soldi del ristoro arrivino a Villaricca e siano spesi nel migliore dei modi». Guarino aggiunge che è possibile compensare il ristoro ambientale con il gettito che il comune versa allo stato, in modo da ottenere rapidamente i soldi necessari per dare inizio una politica ambientale seria per Villaricca. Tra i punti che la Cdl ritiene prioritari, vi è la raccolta differenziata che ormai non è più una scelta politica, ma un dovere degli enti locali di applicarla e contesta duramente l’intervento del consigliere Molino (Ds) che afferma: «i cittadini non sono ancora pronti». «Se in altri comune della Campania la differenziata funziona non vedo perché non dovrebbe funzionare anche a Villaricca – risponde Guarino – potrebbe non funzionare solo per incapacità degli amministratori».

In allegato il Decreto del Governo

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Torna la paura a Soccavo, 2 colpi di pistola esplosi contro il cognato del boss

Antonio Ernano è stato ferito in via Vicinale Palazziello nel quartiere Soccavo. Dopo l'agguato la vittima ha raggiunto autonomamente...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria