Un forte boato ha svegliato alcuni cittadini di Giugliano nella tarda serata di ieri. Secondo una prima ricostruzione, sembrerebbe che a causare il rumore cupo sia stata un’esplosione.

Il boato a Giugliano

In un appezzamento di terra di via Carraffiello sarebbero scoppiati dei fuochi pirotecnici la cui esplosione avrebbe investito 3 proprietari del terreno. Le persone sono state portate all’ospedale di Castelvolturno, ma, da quanto appreso, non sarebbero in gravi condizioni. Sul posto sono giunte le forze dell’ordine e i vigili del fuoco. Molti cittadini della zona di Varcaturo, Licola, Lago Patria hanno descritto il boato udito ieri sera come simile a un tuono.

Covid, parroco di Giugliano grave in ospedale: è intubato in terapia intensiva [ARTICOLO 15 DICEMBRE]

La città di Giugliano nuovamente colpita dallo spettro del coronavirus. E’ stato ricoverato il sacerdote di Lago Patria, Padre Maurizio, figura religiosa molto nota in tutta la fascia costiera.

Un sacerdote che negli anni è diventato un riferimento spirituale per tutti i cittadini della fascia costiera. Purtroppo il Covid non lo ha risparmiato ed ora le sue condizioni sono peggiorate tanto da essere ricoverato in ospedale e intubato.
” Siamo preoccupati per la sua salute perché Don Maurizio per noi è stato, ed è, il padre, il fratello, l’amico, la mano tesa ed umile nel momento del bisogno. Un uomo caritatevole, un prete esempio di grande spiritualità. Sempre con un sorriso ed uno sguardo sereno, non ci ha fatto mancare mai il suo sostegno morale ed ha sempre aiutato tutti, anche i fratelli immigrati” dice con sofferenza una sua parrocchiana.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.