Ha dato già mandato ad un avvocato per presentare un ricorso al Tar, si è sentito con il vicepresidente della Regione Fulvio Bonavitacola per invitarlo ad annullare in autotutela la delibera di giunta regionale e, in estrema ipotesi, è anche pronto a fare ricorso al Presidente della Repubblica. Queste le mosse del sindaco di Giugliano Nicola Pirozzi dopo che ha saputo della notizia sull’autorizzazione data all’impianto Castaldo per realizzare un bruciatore per smaltire i residui nei rifiuti. Una scelta che il sindaco Pirozzi dice di non condividere,

 “Confermo che abbiamo dato mandato ad un avvocato di fare ricorso, ma è possibile che l’autorizzazione della regione venga ritirata in autotutela”, dice il sindaco che chiarisce come lui non fosse stato informato minimamente della vicenda. Una questione che potrebbe essere la causa del sollevamento dell’ingegnere Sabini dalla poltrona di dirigente del settore all’Ambiente del Comune di Giugliano. Ci sarebbe agli atti, infatti, una lettera del sindaco Pirozzi che stigmatizzerebbe il comportamento dell’ex dirigente, poi sollevato dall’incarico, reo di non averlo avvisato. “Il Comune di Giugliano non era presente alla conferenza, devo capire perchè dagli atti risulti questo parere positivo che io come sindaco non ho mai dato”, dichiara Pirozzi.

Prima c’era un altro modo di gestire queste vicende. Quando il Comune di Giugliano veniva invitato alle conferenze dei servizi non ci si presentava e risultava come se ci fosse stato un parere positivo. Io invece ho detto a tutti i dirigenti di essere presenti alle conferenze dei servizi e di avvisarmi. L’ingegnere Sabini non l’ha fatto e non si è nemmeno presentato alle conferenze rispetto a questa questione dell’ampliamenti della Castaldo. Comunque mi sono sentito già con Bonavitacola e ci sono buone possibilità che la delibera sia sospesa in autotutela”, conclude Pirozzi. 

 

Un nuovo ‘bruciatore’ di rifiuti nel biodigestore Castaldo a Giugliano, arriva il sì della Regione: salta la poltrona del dirigente all’Ambiente

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.