Chiesti 5 ergastoli

Camorra Miano. Chiesti 5 ergastoli per l’omicidio di Pasquale Izzi, assassinato il 29 marzo del 2016 a Miano.  Ricostruito, grazie soprattutto all’aiuto del boss pentito Carlo Lo Russo, il delitto e i ruoli di ciascuno.  Per quell’omicidio a febbraio sono state eseguite altre 5 ordinanze di custodia cautelare a carico di Ciro Perfetto, Antonio Buono, 27; Mario Corona, 31; Tommaso D’Andrea, 44; e Salvatore Freda, 46enne, tutti già in carcere per altri reati tranne D’Andrea che era ai domicliari. Ad aprile 2016 erano invece finiti in manette “Carlucciello”, la moglie Anna Serino, il nipote Domenico Cerasuolo e gli esecutori materiali dell’agguato Luigi Cutarelli e Mariano Torre.

Le dichiarazioni del pentito

l massimo della pena è stato chiesto per gli altri componenti del commando di morte ovvero Ciro Perfetto, Antonio Buono, Marco Corona, Tommaso D’Andrea e Salvatore Freda, che erano stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare nel febbraio scorso. Ad incastrarli sono state le dichiarazioni del neo pentito Mariano Torre (già condannato all’ergastolo insieme con Luigi Cutarelli sempre per questo omicidio).
All’elenco quasi infinito di partecipanti all’omicidio di Pasquale Izzi, con vari ruoli, manca ancora un nome. Ed è quello di colui che prese le pistole utilizzate da Luigi Cutarelli e Mariano Torre e le fece sparire. Un uomo di cui quest’ultimo, pentito dallo scorso novembre, ha fatto il nome nei primi verbali di interrogatorio alla procura antimafia. Unico a mancare all’appello con la giustizia per chiudere le indagini.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.