Caso Stir, Poziello attacca Dema: “Gli impianti rifiuti li faccia a Napoli”. La replica: “E’ un intervento migliorativo”

È netta la contrarietà del primo cittadino di Giugliano Antonio Poziello alla notizia dell’approvazione in Città Metropolitana dei progetti per la realizzazione sul territorio di impianti per il trattamento della frazione organica. Destinatario degli strali di Poziello, il sindaco metropolitano Luigi de Magistris.
“Apprendo con vivo stupore e dalla stampa dell’approvazione da parte del Sindaco metropolitano dei progetti definitivi per la realizzazione degli impianti per il trattamento della FUT a Giugliano. Ciò che stupisce è che de Magistris non abbia sentito il bisogno di sentire preventivamente i Sindaci dei comuni interessati e certamente non me. Non è solo questione di galateo istituzionale, ma di rispetto per delle comunità che hanno già pagato un prezzo troppo alto alle emergenze rifiuti e che ancora ospitano sul loro territorio milioni di tonnellate di ecoballe. E’ chiaro che si tratta di un impianto accessorio allo STIR, ma poco cambia”. Poziello poi aggiunge:” È evidente che la città di Giugliano non è disponibile ad ospitare alcun ulteriore impianto di trattamento di rifiuti. Siamo certamente consapevoli della necessità di nuovi impianti, ma siamo anche altrettanto consapevoli che questo territorio abbia già subito troppo. E’ tempo che Napoli cominci a fare la propria parte sul ciclo dei rifiuti, cominciando a fare la raccolta differenziata e a realizzare sul proprio territorio gli impianti necessari.
Mi aspetto le scuse da De Magistris ed un immediato passo indietro. Non si sogni nemmeno di poter disporre del territorio altrui.
E’ ancor più grave che due consiglieri metropolitani di Giugliano, che sostengono in città Metropolitana De Magistris, non abbiano sentito il bisogno di fare o dire alcunché per difendere il proprio territorio”. A replicare, attraverso una nota, è il direttore generale di Città Metropolitana Giuseppe Cozzolino.

La replica

 In riferimento alle delibere approvate ieri dal Sindaco Metropolitano e che riguardano i progetti definitivi per la realizzazione degli impianti per il trattamento della frazione organica tritovagliata (FUT) negli STIR della Sapna di Tufino e di Giugliano, il Direttore Generale della Città Metropolitana di Napoli, Giuseppe Cozzolino.
 “I progetti approvati prevedono miglioramenti tecnici per la stabilizzazione della frazione organica dei rifiuti indifferenziati. In pratica, il nuovo sistema, tecnologicamente più avanzato, interamente collocato all’interno delle aree già occupate dagli Stir, consentirà di asciugare la frazione umida nel processo di trattamento dell’indifferenziato. Il processo di asciugatura riduce i volumi dei rifiuti stessi, quindi meno rifiuti, con notevole risparmio nei costi di trasferimento e riduzione della tariffa che pagano i cittadini. Il nuovo ciclo di lavorazione, oltre ad ottimizzare i processi, riduce l’emissione degli odori prodotti dalla frazione umida. Questa procedura – ribadisce la nota del Direttore generale – a parità di volumi di rifiuti trattati consente un consistente miglioramento dell’impatto sull’ambiente”.