Cina da record, costruito ospedale da 1300 posti in 10 giorni per l’emergenza coronavirus

Un secondo ospedale per la cura dei pazienti affetti dal coronavirus sarà costruito a Wuhan, l’epicentro dell’epidemia. Lo hanno annunciato le autorità cinesi, riferiscono i media locali. Secondo il People’s Daily, l’ospedale conterrà 1.300 posti letti e si aggiungerà all’altra struttura che è in fase di costruzione a Wuhan e dovrebbe essere pronta entro 10 giorni.
Il primo caso di infezione da coronavirus 2019-nCoV risale al primo dicembre e la persona infettata non era stata al mercato ittico di Wuhan. E’ quanto emerge dalla ricostruzione delle prime fasi dell’epidemia pubblicata sulla rivista The Lancet e segnalata dalla rivista Science sul suo sito. Dei primi 41 casi esaminati dal gruppo di ricerca cinese guidato da Chaolin Huang, dell’ospedale Jin Yin-tan di Wuhan, 27 (pari al 66%) erano stati al mercato a partire dal 10 dicembre.
Secondo quanto riporta il Quotidiano del Popolo, i lavori di costruzione (in fondo al pezzo il video e le foto) dovrebbero essere ultimati entro il 3 febbraio prossimo. Gli ingegneri a capo del progetto citati da un altro giornale, il South China Morning Post, avevano originariamente parlato di soli sei giorni per la costruzione: a citare la data definitiva del 3 febbraio sono però la tv statale Cctv e l’agenzia Xinhua.

Nel 2003, all’epoca dell’emergenza Sars, 7.000 operai completarono l’ospedale Xiaotangshan, nei sobborghi di Pechino, in solo una settimana. Le autorità cittadine hanno spiegato che prenderanno esempio proprio da questo ospedale.