Colpo alla camorra, arrestato superlatitante: era ricercato da un anno

I carabinieri del comando provinciale di Napoli hanno arrestato Ciro Imperatrice, tra i vertici del clan Cuccaro-Andolfi del quartiere Barra, irreperibile da ottobre 2019, soprannominato “Brutolino” o “Brodolino”, destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale di Napoli poiché condannato a due anni e cinque mesi di reclusione per il reato di associazione per delinquere di tipo mafioso. Il latitante è stato arrestato dopo un’intensa e articolata attività investigativa, rintracciato alle prime ore dell’alba in un’abitazione di Cupa Rubinacci. I militari lo hanno sorpreso nascosto all’interno di un armadio della camera da letto dove dormiva. Portato nel carcere di Secondigliano.

Il clan sotto attacco e il reggente arrestato

Il mese scorso clamoroso fu l’agguato contro un altro esponente dei Cuccaro-Aprea, Luigi Ferrante. L’uomo è fratello di Ciro ‘o chicc, storico reggente del gruppo e persona di fiducia del boss Vincenzo Aprea. Arrestato nel 2010 nel maxi blitz che portò a sedici arresti nel gruppo: in quell’occasione catturate anche le tre sorelle LenaGiuseppina e Patrizia Aprea. Fu il pentito Giuseppe Manco a parlare dello strapotere delle tre sorelle:«Nel clan Aprea il controllo dell’economia era esercitato da loro. Ed erano sempre loro a dare l’ultima parola, nel senso che controllavano anche i conti portati da noi». Luigi Ferrante in quel periodo coadiuvava le sorelle nella gestione del gruppo: non ha la personalità del fratello ma sarebbe considerato ugualmente un elemento di vertice del gruppo.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook