Covid. Contagio stabile a Napoli, male Caserta e Salerno: i dati provincia per provincia

Covid in Campania, provincia per provincia

Il bollettino covid diramato mercoledì pomeriggio dall’unità di crisi certifica l’aumento dei casi positivi nella regione Campania. Sfondato il muro dei 4mila nuovi pazienti, i numeri sono sotto osservazione del comitato tecnico scientifico in virtù del nuovo Dpcm. La linea che separa la zona rossa dalla zona arancione è sottile e potrebbe essere oltrepassata, tenuto conto dei 21 parametri da prendere in esame.

Numeri in crescita in Campania, soprattutto a causa di un vero e proprio boom epidemiologico che si sta verificando in queste ore nelle province di Caserta e Salerno. Pur avendo numeri più alti, la provincia di Napoli resta infatti costante su nuovi casi giornalieri che oscillano tra i 1.500 e i 2.400. La nota positiva è che da tre giorni la provincia partenopea non supera i 1.900 casi giornalieri.

Discorso diverso per la provincia casertana che oggi ha fatto registrare il suo record di nuovi contagi: 1.145 in sole 24 ore. Negli ultimi due giorni si è evidenziata un’impennata dei nuovi casi: dai 994 di ieri, si è passati ai 1.145 odierni. Un campanello d’allarme che suona sulla provincia.

Aumento costante anche nel salernitano dove i nuovi casi non hanno mai superato la soglia dei 500 giornalieri ma dove la curva non tende a flettersi. I 499 contagi registrati nelle ultime 24 ore hanno contribuito, insieme ai dati del casertano, al record di contagi in Campania.

Discorso analogo anche per la provincia di Avellino dove i numeri restano sotto controllo e costanti. Dai 212 contagi giornalieri del 29 ottobre, si è passati ai 211 di oggi.

Benevento, a differenza delle 4 province “sorelle”, è riuscita a far registrare ‘zero’ contagi in tre rilevazioni dell’ultima settimana. Numeri che non preoccupano e che oscillano dai 64 contagi del 31 ottobre – il picco settimanale – ai 20 orierni.