Camionista rapinato ed ucciso ad Acerra, arrestato il killer: era latitante da 28 anni

Elia Nunziata

I carabinieri di Castello di Cisterna hanno arrestato a Palma Campania Elia Nunziata. L’uomo era condannato all’ergastolo per l’omicidio di Daniele Lamperti, il 28enne camionista di Olgiate Comasco ucciso durante una rapina, il 21 ottobre 1991 ad Acerra. Irreperibile dal 28 marzo 2019, nei confronti del quale il 3 settembre 2019 è stato anche emesso un ulteriore provvedimento di arresto per i reati di usura ed estorsione.

Elia Nunziata individuato dai carabinieri in un’abitazione di Palma Campania: il blitz è scattato alle 19 di ieri, dopo che hanno circondato l’intero edificio. Nunziata non ha opposto resistenza. In compagnia di una donna poi denunciata, insieme con il marito della proprietaria dell’abitazione, un 59enne imprenditore del luogo, per favoreggiamento. Al latitante i militari hanno sequestrato circa 600 euro, un telefono cellulare e due sim card.

Elia Nunziata e l’omicidio di Daniele Lamperti

Lamperti, aveva 28 anni e guidava un tir che trasportava delle nocciole dal valore di 70 milioni di lire. Elia Nunziata e la sua banda, erano il terrore dei camionisti. Durante il raid per Lamperti non ci fu scampo. Ucciso da due colpi di pistola al petto. Il responsabile del delitto fu proprio Elia Nunziata,  riuscito però a lungo a sottrarsi alla manette. Lunga odissea giudiziaria, l’uomo fu arrestato e ritenuto il killer del giovane, era stato condannato nel 1996, dalla Corte d’Assise a Napoli, all’ergastolo grazie anche alle collaborazioni con la giustizia di alcuni pentiti. Così via fino all’ultimo verdetto. Quello che l’ha inchiodato al carcere a vita.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook