A passeggio con oltre nove chili di ‘botte’ vietate, scattano le manette

Durante una operazione organizzata per il contrasto alla diffusione dei fuochi d’artificio illegali, i carabinieri della tenenza di Ercolano hanno arrestato per detenzione di materiale esplodente salvatore imperato, ventisettenne del posto. L’uomo era in possesso di quasi 9 chili di botti illegali. I militari hanno notato imperato con delle grosse buste tra le mani mentre passeggiava in via Trieste. Controllato, è stato trovato in possesso di cinque ordigni esplosivi improvvisati, in gergo chiamati “cipolle”. Dopo aver trovato gli ordigni, i carabinieri hanno perquisito anche l’auto dell’uomo parcheggiata lì vicino ed hanno trovato altri 200 ordigni artigianali (cosidetti “rendini”).

Sono intervenuti gli artificieri dei carabinieri accertando che le cinque “cipolle” erano sovradimensionate: avevano un quantitativo di esplosivo maggiore del solito. L’arrestato è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.