Grande Fratello Vip, Clizia Incorvaia in lacrime dopo la sentenza: «Ho detto una cosa orribile»

Clizia Incorvaia, dopo il voto ricevuto da Andrea Denver al Grande Fratello Vip per l’eliminazione, si era scagliata contro quest’ultimo dicendogli ‘Buscetta, pentito’ (mafioso e collaboratore di giustizia italiano, membro di Cosa nostra, ndr). Una frase gravissima che ha scatenato sin da subito le polemiche e, soprattutto, ha portato tutti i telespettatori a chiedere l’immediata squalifica.

La squalifica e le scuse di Clizia Incorvaia

«Io vengo da una realtà dove i miei amici hanno perso padri fratelli, io non lo so perchè l’ho detto in quel modo così teatrale. Non ho più pensato che le parole sono importanti, poi ho detto ‘ che cavolo ho detto’, e chiedo scusa a tutte le famiglie che stanno lottando con questo cancro e chiedo scusa alla mia famiglia».

A mostrargli i titoli dei giornali è stato Alfonso Signorini: «Nessuno mette in dubbio o vuole fare di te una sostenitrice di stampo mafioso – spiega il conduttore- nè fare una gogna mediatica, hai detto delle cose che non possiamo accettare. Senza Buscetta nè i pentiti non avremmo avuto i grandi successi ottenuti. La parola pentito è un insulto perchè offendi chi lotta contro la mafia tutti i giorni. Il fatto che tu sia siciliana e che questa realtà la conosci è ancora più grave. Abbiamo pensato e provato a cercare di giustificazioni, ma non ce ne sono. Sono state di una gratuità violenta».

«Ho fatto una stupidaggine – risponde in lacrime la concorrente –  mi sono rincretinita, mi sono involuta. Volevo dire vile e invece mi è uscito Buscetta. Non crocifiggetemi, io voglio andare fuori, ho sbagliato. Non lo so perchè ho detto questa cosa orribile, io ero sempre in prima linea scrivere cose contro la mafia, io l’ho vissuta sulla mia pelle. Ho un discreto background culturale, non lo so perchè l’ho fatta. Proprio per quello vorrei uscire. Merito di andare a casa». Detto fatto, Clizia è stata squalificata.