30.2 C
Napoli
giovedì, Luglio 7, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Guerra a Pianura, botta e risposta tra i clan: spari sotto casa del ras


La ‘risposta’ agli spari contro Mattia Perfetto non si è fatta attendere. Venerdì scorso ignoti hanno esploso colpi di pistola contro l’abitazione di Rosario Iorio, 37enne considerato vicino ai Calone-Marsicano gruppo che si oppone da mesi ai Carillo-Perfetto per il controllo delle piazze di Pianura. Secondo la prima ricostruzione uno dei colpi ha centrato l’abitazione dell’uomo, ristretto ai domiciliari, in via Evangelista Torricelli. Indagine affidata agli uomini del commissariato di Pianura (dirigente Arturo De Leone, ispettore Ernesto Lepre) che ipotizzano il classico ‘botta e risposta’ tra gruppi dopo il ferimento di Perfetto junior (leggi qui l’articolo).  Il giovane, 20enne incensurato, sarebbe stato colpito in via Cinthia alla spalla e braccio sinistro: subito dopo il raid, è stato trasportato al vicino ospedale San Paolo anche se ha rifiutato il ricovero. Già l’anno scorso il nome dei Perfetto era ritornato al centro delle cronache quando vi era stata una stesa nei pressi dell’abitazione della famiglia. A Pianura, come nella vicina Soccavo, la situazione resta tesa.

La stesa contro l’abitazione di Vitale Perfetto

Era il giugno dello scorso anno quando i sicari entrarono in azione esplodendo diversi colpi d’arma da fuoco contro l’abitazione di Vitale Perfetto (leggi qui l’articolo). Secondo i riscontri raccolti dagli uomini del locale commissariato i killer, prima di sparare, urlarono facendo proprio il nome del giovane ferito la scorsa notte. Ben tredici i colpi di pistola (calibro 9×21) esplosi all’indirizzo del portone dello stabile dove abitano i Perfetto: Vitale Perfetto viene indicato come colui che, insieme a Lorenzo Carrillo, starebbe cercando di ricostituire il gruppo un tempo organico al clan Pesce-Marfella.

Gli spari contro Iorio

I colpi esplosi contro l’abitazione di Iorio rappresentano quindi la ‘risposta’ degli ‘eredi’ dei Pesce-Marfella contro i nemici. Iorio fu arrestato l’ultima volta nel giugno scorso (leggi qui l’articolo): gli agenti effettuarono un controllo in via Evangelista Torricelli presso l’abitazione di un uomo dove ritrovarono, nascosta nella federa di un cuscino in camera da letto, una pistola Beretta con matricola abrasa, una busta con 58 cartucce di vario calibro e un paio di guanti. Il 37enne fu arrestato per detenzione di munizionamento e di arma comune da sparo.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Follia sull’Asse Mediano a Mugnano, tampona 7 auto per scappare da un inseguimento

Durante una operazione alto Impatto, programmata sul territorio di Scampia da parte della Polizia Locale di Napoli unitamente al...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria