I Di Lauro come ‘Cosa Nostra’, la cosca ha un nuovo ‘boss di strada’ per controllare il territorio

I Di Lauro a scuola da Cosa Nostra. Dai boss americani, quelli delle Cinque famiglie. Come i gruppi criminali di New York anche la cosca di via Cupa dell’Arco (uscita indenne da ben tre guerre di camorra) si è data una nuova organizzazione a passo con i tempi, un nuovo ‘modus operandi’ finalizzato a rafforzare la cosca senza incappare però nei controlli sempre più frequenti delle forze dell’ordine.

Come la struttura criminale ideata da Lucky Luciano anche i Di Lauro hanno capito che è più che mai necessario avere due livelli, due sovrastrutture del potere specie ora che la cosca si è riorganizzata economicamente investendo massicciamente in numerose attività commerciali. A protezione degli affari senza però dimenticare il contatto diretto della strada ecco che i Di Lauro si sono affidati ad uno ‘street boss’ «uno che è gli occhi e le orecchie dei figli del milionario nel quartiere. Un personaggio ben inserito nelle dinamiche della cosca, sulla quarantina e che sarebbe molto vicino a Giovanni Cortese ‘o cavallaro». E’ questo l’identikit del nuovo reggente che «riferisce direttamente ai figli di Di Lauro ciò che accade nel quartiere». Un nuovo modo di pensare al territorio che è tipico delle famiglie malavitose d’Oltreoceano (Gambino, Colombo, Lucchese, Genovese, Bonanno). L’ennesima dimostrazione che a Secondigliano e dintorni quelli ‘e mmiez all’Arc hanno ancora molto peso.