Lavoro, ambiente,  scuole, salute, casa, acqua pubblica: Pap Giugliano interpella l’Amministrazione

Gli attivisti di Potere al Popolo
Gli attivisti di Potere al Popolo
Lavoro, ambiente,  scuole, salute, casa, acqua pubblica: su questi temi Potere al Popolo di Giugliano ha chiesto quali siano le intenzioni del nuovo sindaco e della maggioranza.
“Da pochi giorni si è insediato il nuovo Sindaco di Giugliano e a breve sarà annunciata la Giunta comunale. Con il completamento delle verifiche degli esiti degli scrutini avremo anche la composizione certa e definitiva del Consiglio comunale.
Terminata la campagna elettorale – per lo più giocata su slogan e accuse tra contrapposte coalizioni (soprattutto tra la vincente e quella dell’ex Sindaco Poziello), in assenza di serie proposte politiche – ci rivolgiamo al nuovo Sindaco per chiedere quali siano i suoi intendimenti su alcune questioni di estrema attualità.
Lavoro
La città di Giugliano ha un enorme problema occupazionale, soprattutto tra i giovani, e quando c’è lavoro spesso è a nero e sottopagato. Potere al Popolo, nel proprio programma politico, avanzava alcune proposte semplici e molto concrete, per dare segnali di controtendenza sul piano locale anche al fenomeno dell’emigrazione di massa e creare opportunità di lavoro a disoccupati di lungo corso e inoccupati:
– l’Amministrazione locale dovrà introdurre le “clausole sociali” in tutti gli appalti pubblici, prevedendo, tra l’altro, che almeno il 50% dei neoassunti delle imprese vincitrici dovrà essere reperito tra i soggetti disoccupati o in cerca di prima occupazione iscritti nel Centro per l’impiego locale;
– il Comune deve preferire, nell’affidamento diretto o negli appalti pubblici di lavori, servizi e forniture, cooperative sociali e, quando possibile, operare con la gestione in house, nella quale dovranno essere coinvolti primariamente disoccupati e inoccupati.
Il Sindaco Pirozzi si impegna ad operare in tal senso?
Ambiente
Il nostro territorio è afflitto da decenni di sversamenti legali e illeciti, alle origini di veri e propri mostri ambientali. Durante la campagna elettorale il Dott. Pirozzi ha evidenziato come con la sua elezione avrebbe creato un canale istituzionale diretto con il Governo centrale. È giunto il momento dei fatti: di parole ne sono state pronunciate fin troppe negli anni. Tra le numerose proposte, nel nostro programma abbiamo scritto che:
– si rende necessario creare una “task force” tra Comune, Regione, Città metropolitana, Ministeri competenti e forze dell’ordine per individuare fabbriche, costruzioni abusive, attività ricettive, ristorative e così via che smaltiscono illecitamente i propri rifiuti, obbligandoli a mettersi in regola e monitorando gli sversamenti con controlli periodici di tutte le attività presenti sul territorio. Andranno mappate tutte le zone critiche di sversamento, spesso confinanti tra più comuni e di diverse competenze per un intervento sinergico e risolutivo di tutte le Amministrazioni coinvolte. Debellare roghi tossici, sversamenti illegali e le cause che li generano è un imperativo assoluto.
Il Sindaco Pirozzi si impegna ad operare in tal senso?
Salute
Il disastro ambientale che ha colpito i nostri territori ha prodotto nel corso dei decenni aumenti impressionanti di numerose patologie, anche mortali, di cui siamo tutti testimoni diretti e indiretti:
– il Sindaco è la massima autorità sanitaria su base comunale. Bisogna incentivare la realizzazione di screening gratuiti per la cittadinanza, nonché l’aggiornamento costante del registro tumori presso tutti gli uffici dell’ASL competente per territorio.
Il Sindaco Pirozzi si impegna ad operare in tal senso?
Casa
Sul territorio insistono numerosi beni confiscati alla criminalità organizzata che possono essere riconvertiti, con appositi interventi di housing sociale, a fini abitativi per soggetti e famiglie deboli, morosi incolpevoli e senzatetto.
Inoltre, basterebbe un rapido censimento per accertare la presenza di molteplici immobili, anche privati, abbandonati e sottratti ad ogni utilità sociale, oltre che pericolosi per l’incolumità pubblica in assenza di qualsivoglia messa in sicurezza. Applicando il principio di cui all’art. 42 della Costituzione, tali beni immobili, persistendo l’abbandono e il disinteresse del privato, potrebbero essere acquisiti al Comune senza indennizzo e restituiti alla cittadinanza per fini sociali.
Il Sindaco Pirozzi si impegna ad operare in tal senso?
Scuole
La grande maggioranza delle scuole a Giugliano non è antisismica, né adeguata ad accogliere il numero di studenti o a garantire spazi per attività ludiche o sportive:
– è necessario un censimento serio e puntuale dello “stato di salute” degli edifici scolastici, verificando l’ottemperanza alle norme sulla messa in sicurezza soprattutto per gli edifici nati come abitazioni civili e poi adibiti a scuole e garantire interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria immediati, nonché l’utilizzo di edifici comunali o beni confiscati, senza ricorrere più al privato, con enorme sgravio per le casse comunali. Il convento delle suore a Camposcino, ad esempio, è libero e dovrà tornare scuola pubblica.
Il Sindaco Pirozzi si impegna ad operare in tal senso?
Acqua pubblica
Il bene comune acqua è sistematicamente oggetto di mire predatorie da parte dei privati. La sua gestione deve rimanere pubblica e l’Ente comunale deve farsi promotore della costituzione di una azienda speciale consortile distrettuale dell’area metropolitana napoletana. Così da espellere i privati da questo ambito vitale.
Il Sindaco Pirozzi si impegna ad operare in tal senso?
Potere al Popolo non è riuscita ad entrare nel Consiglio comunale, ma ciò non impedirà a tutti noi di continuare a fare opposizione sociale: nelle piazze, nei quartieri, tra la cittadinanza, nei luoghi di vita e di lavoro. Consapevoli che solo la lotta organizzata, con la partecipazione diretta del popolo, potrà far avanzare le conquiste sociali.
Comuncato Potere al Popolo Giugliano