Marano. Verme nella pasta al sugo al Terzo Circolo, i carabinieri contattano l’Asl

 Un vermetto in un piatto di riso a sugo e tra le mamme degli alunni del III Circolo Didattico Giancarlo Siani è scoppiato il panico. L’episodio risale alla giornata di ieri quando alcuni genitori si sono recati alla Compagnia dei Carabinieri di via Lazio guidata dal capitano Gabriele Lo Conte per denunciare l’accaduto. Ai militari dell’Arma è stata mostrata una foto in cui si nota un animaletto all’interno di una porzione servita agli scolari della sede di via Tagliamento della scuola elementare Giancarlo Siani. Immediato l’allarme tra docenti e gli stessi genitori che si sono voluti sincerare la situazione. La presenza del vermetto nel piatto di riso al sugo non ha portato conseguenze a nessuno studente fortunatamente, ma solo tanta rabbia (comprensibile) nei genitori.

 

InterNapoli.it ha chiesto conto sia alla dirigenza della scuola Siani che al sindaco Rodolfo Visconti senza ricevere riscontri: nel primo caso per l’impossibilità di interloquire con chi ha ruoli apicali a scuola, nel secondo caso perché, per sua stessa ammissione, il primo cittadino non era «a conoscenza dell’accaduto, lo apprendo dalla stampa». Come prevede la procedura, i carabinieri di Marano allerteranno l’Asl Napoli 2, competente territorialmente, per tutti gli accertamenti del caso.

A gestire il servizio mensa alla Giancarlo Siani è un consorzio di catering composta da diversi soggetti che si occupano di cuocere i pasti, confezionarli e trasferirli alla scuola. Non risultano invece casi simili, come pure qualcuno aveva ipotizzato, nella sede di Mugnano della Giancarlo Siani. «Non ci sono stati riscontri sul possibile ritrovamento di vermetti all’interno dei piatti serviti agli studenti mugnanesi» afferma il docente Andrea Cipolletta, consigliere onorario all’istruzione del sindaco Luigi Sarnataro.