12.1 C
Napoli
domenica, Gennaio 23, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

“Marchionne stroncato dal tumore ai polmoni”, familiari al capezzale


Le condizioni di salute di Sergio Marchionne non migliorano. Dall’ospedale di Zurigo dove è ricoverato non trapela nessuna informazione. Resta quella drammatica espressione, “condizioni irreversibili”, pronunciata nei giorni scorsi e che sembra purtroppo dire che le speranze sono ormai svanite per l’ex ad di Fca. Rimane ancora da capire quale sia il male che ha portato improvvisamente Marchionne lontano dalle aziende da lui dirette, con successo, negli scorsi anni.

Marchionne condizioni di salute: la voce sul tumore ai polmoni

La voce che si è diffusa con maggiore insistenza nelle ultime ore è quella che Marchionne abbia un tumore ai polmoni. Una voce diffusasi dopo la lettera scritta da Franzo Grande Stevens al Corriere della Sera, nella quale il legale di fiducia di Gianni Agnelli scrive: “Conoscevo la sua incapacità di sottrarsi al fumo continuo delle sigarette. E come temevo, da Zurigo ha avuto la conferma che i suoi polmoni erano stati aggrediti e capito che era vicino alla fine”. Insomma, la malattia di Marchionne sarebbe colpa del fumo. E tornerebbe anche il fatto che l’ospedale di Zurigo è un polo oncologico di eccellenza.

Marchionne condizioni di salute: la lesione all’aorta

C’è però anche un’altra voce, ed è quella che conferma la ricostruzione dell’azienda, quella di una complicazione improvvisa in seguito a un intervento alla spalla. E combacia anche con il possibile male ai polmoni. Secondo gli esperti il tumore ai polmoni causa problemi e dolori proprio alle spalle. L’intervento in quella zona può mettere in conto possibili problemi all’aorta durante l’intervento. Potrebbe essere successo allora proprio questo.

 

Marchionne e l’addio della moglie Manuela

Le condizioni dell’ex amministratore delegato di Fca, nel suo letto, tra le macchine sanitarie che lo tengono in vita, nell’ansia dei familiari e dei sanitari che circonda la sua battaglia, restano irreversibili. La dipendenza dal tabacco non era un mistero sull’Ad di Fiat, abituato a fumare tre pacchetti di sigarette al giorno. La compagna Manuela Battezzato era riuscita nella sfida di convincerlo per un po’ a smettere, un anno fa, ma senza troppa convinzione, al punto da fargli spesso dire con il sorriso: ​”Saranno la mia morte”. Una frase che ripensata oggi è una battuta che non fa più ridere.

La vita privata di Sergio Marchionne

Al capezzale del manager ricoverato all’Universitatsspital di Zurigo si stanno alternando la compagna Manuela Battezzato e i due figli avuti dalla prima moglie Orlandina, Alessio Giacomo (classe 1989) e Jonathan Tyler (1994).

Sulla sua vita privata Marchionne ha sempre mantenuto un totale riserbo. Della compagna Manuela si conoscono infatti soltanto l’età (47 anni), la laurea in Scienze politiche e l’impiego in Fiat, nell’ufficio comunicazione. Dal 2009 – anno dell’acquisizione di Chrysler – Battezzato ha iniziato a stare a stretto contatto con l’Ad, coordinando i rapporti tra l’ufficio stampa del Lingotto e quello di Detroit. Dal 2012 faceva coppia fissa con lui, ormai separato dalla prima moglie, anche se la loro relazione è rimasta sempre sullo sfondo. Non esistono nemmeno foto che li ritraggono insieme.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Nino D’Angelo racconta il suo dramma a Domenica In: «Per la malattia non uscivo nemmeno da casa»

Nino D'Angelo a Domenica In, ospite di Mara Venier, rivela di essere stato colpito dal Covid a Natale, insieme a tutta la sua...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria