Ucciso sulla Circumvallazione, l’appello della famiglia di Mariano Saggese: “Chi ha visto parli”

Mariano Saggese, appello della famiglia
Mariano Saggese, appello della famiglia

Sono ancora in corso le ricerche del pirata della strada che nella notte tra il 23 e il 24 luglio ha travolto e ucciso Mariano Saggese. A distanza di oltre dieci giorni dall’accaduto, le forze dell’ordine sono impegnate nella ricostruzione della dinamica del drammatico incidente. Il 22enne, di ritorno a Melito, è stato scaraventato a terra intorno all’una di notte sul cavalcavia della rotonda di Arzano. I primi rilievi delle forze dell’ordine e la visione delle telecamere al momento sono gli unici “indizi” per risalire a chi ha spezzato la vita del giovane papà.

Mentre le forze dell’ordine sono sulle tracce del pirata della strada, la famiglia di Mariano Saggese ha lanciato un appello per trovare il responsabile della morte del giovane. Nelle ultime ore, la mamma di Mariano, Rosa, il marito Salvatore e la famiglia Giuliano hanno lanciato un appello sui social. “Hai investito nostro figlio, nostro nipote, nostro fratello, un papà di soli 22 anni, lasciandolo privo di sensi sul ciglio della strada. Costituiscitihanno affermato – Invitiamo chiunque abbia visto qualcosa o era presente al momento dell’incidente a farsi avanti“. Un’istanza che giunge a pochi giorni dai funerali svoltisi a Melito in una chiesa gremita. In quell’occasione, striscioni, palloncini bianchi, applausi e fumogeni hanno salutato per l’ultima volta Mariano Saggese. Tanta la rabbia da parte della famiglia che da dieci giorni chiede verità e giustizia.

Mariano Saggese: le immagini delle telecamere

Alle telecamere poste sul tratto della Circumvallazione Esterna tra Casavatore e Melito è affidata la ricostruzione della verità. Le immagini, intanto, sono nelle disponibilità dalle forze dell’ordine e dai legali della famiglia della giovane vittima. La seconda strada per far luce sulla morte di Mariano Saggese passa attraverso la testimonianza di eventuali testimoni. Il 22enne era in sella al suo scooter quando è stato travolto e lasciato in strada da un automobilista, prima di darsi alla fuga. Inutili i soccorsi, per il giovane non c’è stato nulla da fare.

Sul luogo dell’incidente, intanto, amici e parenti di Mariano hanno lasciato un lungo striscione, fiori e messaggi. Un gesto per ricordare il 22enne di Melito e per mantenere ancora alta l’attenzione su quanto accaduto.