clan gionta
Screen video diffuso dail Comando dei Carabinieri di Salerno

L’ambulanza con i malati a bordo usata per spacciare droga, 56 arresti dei carabinieri nel Salernitano. Una vasta operazione dei militari del Comando Provinciale di Salerno, coordinata dalla locale Direzione distrettuale antimafia, che ha portato oggi all’arresto di un’intera organizzazione dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti nell’Agro Nocerino e Sarnese, e più in generale in tutta la Provincia. Sono 56 in tutto le persone finite questa mattina agli arresti, 35 dei quali sono finiti direttamente in carcere. Gli altri, invece, sono finiti ai domiciliari con le accuse di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione abusiva di armi clandestine.

Tra i mezzi usati per lo spaccio di droga anche un’ambulanza. Con la complicità dell’autista (anch’egli arrestato) infatti, il mezzo veniva usato per la consgna della sostanza stupefacente, nonostante a bordo ci fossero gli ignari pazienti, bisognosi di cure, come nel caso di un uomo dializzato.

Tra i fornitori del gruppo anche il clan Gionta

L’operazione Delizia è partita nel mese di settembre dello scorso anno grazie alle indagini della Dda di Salerno e dei carabinieri della Tenenza di Pagani. Come riportato da fanpage.it, il gruppo criminale si riforniva da sodalizi camorristici attivi anche nel Napoletano. Tra questi anche il clan Gionta di Torre Annunziata. Per comunicare tra loro, inoltre, i componenti della banda non utilizzavano i cellulari, ma adottavano canali telematici criptati. Come appurato dagli inquirenti, lo spaccio di stupefacenti fruttava all’organizzazione criminale un volume di affari di 5 milioni di euro all’anno.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.