“Reddito di Cittadinanza serve agli uomini della camorra” il governatore De Luca attacca il contributo

Il governatore della Campania Vincenzo de Luca ha attaccato il Reddito di Cittadinanza. “Ho sempre distinto tra la povera gente vera, per la quale abbiamo il dovere di dare una mano, dai figli di buona donna e anche dai delinquenti. Però il reddito di cittadinanza è diverso: in troppe occasioni è servito a pagare la manovalanza della camorra, a far scansare il lavoro stagionale, ad avere un incentivo a fare il doppio lavoro e prendersi il reddito di cittadinanza, a minacciare i commercianti per farsi dare in contante l’equivalente della scheda del reddito di cittadinanza”.

LE PAROLE DELLA SCORSA SETTIMANA

“Nei centri provinciali per l’impiego, ai quali si rivolgono i percettori del reddito di cittadinanza, sta succedendo qualcosa di grave. Si riversano bande di delinquenti e di tossicodipendenti che hanno minacciato gli impiegati. Abbiamo trovato anche siringhe nei bagni“. E’ la denuncia del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel suo consueto appuntamento settimanale su Lira Tv.