12.7 C
Napoli
sabato, 22 Febbraio 2020
Home Tags Chat

Tag: chat

Psicosi coronavirus a Napoli, le mamme ‘impazziscono’ nelle chat

0
Non c'è allarmismo ma di sicuro monta la preoccupazione tra le mamme di Napoli; al momento non sono state adottate linee di profilassi particolari...

Gioco erotico in chat finisce male, 25enne muore in diretta video: 65enne chiama la polizia

0
Un gioco erotico finito male. Sarebbe questa la causa della morte di un giovane di 25 anni trovato senza vita nella sua abitazione di...

“Peppe, portami la cocaina”, spaccio di droga in chat a San Gennaro Vesuviano: 47enne in manette

0
I carabinieri della stazione di San Gennaro Vesuviano hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari per traffico e detenzione di stupefacenti,...

Chatta per un anno con uno sconosciuto e gli invia foto osè, ma era suo padre

0
Una storia che ha dell'assurdo quella che coinvolge una ragazzina di 15 anni, internet e suo padre. La giovane adolescente ha iniziato a chattare con...

Filmato mentre mostra i genitali in chat, noto imprenditore campano finisce nei guai

0
Un noto imprenditore salernitano è caduto nella trappola del sexting. Inizialmente è stato attirato da un profilo femminile falso con il quale ha prima...

Stupro nell’hotel del Napoletano, foto e commenti nella chat del branco

0
Nella mattinata odierna ufficiali ed agenti della Squadra Mobile di Napoli e del Commissariato P.S. di Sorrento hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere chiesta da questa Procura ed emessa dal Gip del Tribunale di Torre Annunziata nei confronti di; I.MINIERO Antonino, 2. GARGIULO Gennaro Davide, 3. DE VIRGILIO Fabio, 4. REGIO Raffaele, 5. D’ANTONIO Francesco Ciro, tutti indagati di violenza sessuale di gruppo ai danni di una cittadina britannica. l fatti risalgono all’ottobre del 2016, allorquando durante l’ultima sera di permanenza della donna in un noto hotel della penisola sorrentina, due dei soggetti su indicati, barman in servizio presso la struttura alberghiera, offrivano alla donna ed a sua figlia un drink contenente la ed “droga da stupro” (sostanze appartenenti alle classi farmacologiche Z-drugss e benzodiazepine). Le attenzioni venivano, quindi, concentrate dai due barman sulla sola donna di circa cinquant’anni, che veniva dagli stessi condotta nell’adiacente locale piscina, ove entrambi abusavano di lei. Consumata la prima violenza la donna veniva data in consegna ad altro dipendente dell’hotel che la conduceva all’interno di una stanza alloggio del personale, ove ad attenderla vi era un numero imprecisato di uomini, nell’ordine di una decina almeno, molti dei quali nudi, che a turno usavano violenza sessuale su di lei. La donna veniva fotografata e ripresa dal branco mediante telefonini. Ultimata la violenza di gruppo, uno di loro poi la riaccompagnava al piano della stanza. Rientrata in Gran Bretagna la donna prontamente denunciava l’accaduto alla polizia del Kent; veniva sottoposta, quindi, al prelievo di campioni biologici e ad accertamenti medico legali. l sanitari britannici...

Facebook “controllato” per i minorenni, cambia tutto. Ecco le novità

0
Facebook annuncia una stretta su Messenger Kids, la versione della sua chat dedicata ai bambini dai 6 ai 12 anni. La compagnia di Menlo...
- Pubblicità -

ULTIME NOTIZIE