Truffa del ‘finto nipote’: due napoletani finiscono nei guai

I carabinieri della compagnia di Battipaglia hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare per il reato di estorsione nei confronti di un napoletano, 22enne, pluripregiudicato, che nel novembre 2018 aveva attuato la classica truffa dell’incidente. L’uomo avrebbe fatto credere ad un’anziana donna, che viveva sola, che il figlio era rimasto coinvolto in un incidente, e fingendosi dapprima avvocato, e poi carabiniere, era riusciti a farsi consegnare una somma di denaro pari a 40mila euro circa. Accortasi del raggiro subito, la vittima ha sporto immediatamente denuncia ai carabinieri di Montecorvino, che si sono attivati, individuando l’uomo e sottoponendolo agli arresti domiciliari.

Anche i carabinieri della compagnia di Eboli hanno arrestato un 18enne napoletano per il reato di truffa aggravata e lesioni personali: il ragazzo si era finto amico fraterno del nipote della vittima, riuscendo a farsi consegnare dall’anziana la somma contante di euro 5mila: tuttavia l’inganno è stato subito scoperto dalla vera nipote della malcapitata, giunta a casa proprio in quegli istanti. Il giovane ha cercato di fuggire, colpendo al volto una delle due donne. A nulla sono valsi i tentativi di dileguarsi nelle vie limitrofe, poiché erano sopraggiunti i militari dell’Arma, precedentemente chiamati proprio dalle vittime. Il fermato è  stato arrestato e portato al carcere di Fuorni.