Universiadi Napoli 2019: parte la rivoluzione degli impianti sportivi

(Una veduta dello stadio San Paolo, main stadium delle Universiadi Napoli 2019 - Google)

Lo stallo burocratico sembra essere finito. Almeno è questa la sensazione, stando a quanto trapela dalle sale di regia, nelle ultime ore. Il commissario straordinario Luisa Latella ha firmato il decreto relativo agli interventi strutturali. Sono lavori che interesseranno la quasi totalità degli impianti sportivi partenopei. Per di più, in contemporanea. Sarà una vera e propria rivoluzione strutturale. E avverrà sotto gli occhi dei cittadini. Ovviamente, il main stadium – l’impianto principale – delle Universiadi Napoli sarà lo stadio San Paolo. Per la centralità e l’importanza del catino di Fuorigrotta, le attenzioni saranno focalizzate sulla meticolosità e efficienza degli interventi alla pista per l’atletica leggera. Anche gli impianti generali saranno rinnovati così come l’impianto audio. Tutte migliorie che, manco a dirlo, le Universiadi Napoli 2019 lasceranno in eredità al Comune e ai principali utilizzatori. Quindi alla Società Sportiva Calcio Napoli.

universiadi napoli-stadio-san paolo
Una delle visuali migliori per gli spettatori delle Universiadi Napoli 2019 – Google

Universiadi Napoli: lavori in tutta la città

Vi avevamo raccontato (qui) che qualcosa stava per muoversi. O, per meglio dire, sbloccarsi. I fatti, alla fine, sembrano darci ragione. Il decreto per le Universiadi Napoli 2019 (qui il sito dedicato alla manifestazione), firmato oggi dal Commissario Latella, è una sorta di ufficialità. I lavori, come detto, interesseranno la quasi totalità degli impianti sportivi principali di Napoli. Di seguito, riassumeremo schematicamente il programma dei lavori e i relativi importi.

  • Palavesuvio: interventi infrastrutturali per la sistemazione del Palaindoor della struttura e interventi infrastrutturali per la sistemazione della palestra; 7 milioni di euro
  • Stadio San Paolo: lavori di sistemazione della pista di atletica, riqualificazione degli impianti, interventi per istallazione dell’impianto audio a servizio dello stadio; 4,5 milioni di euro
  • Piscina Scandone:  interventi infrastrutturali per la sistemazione, sistemazione della vasca warm up della piscina; 6,1 milioni di euro
  • PalaBarbuto: interventi infrastrutturali; 1,6 milioni di euro
  • Polifunzionale di Soccavo: interventi infrastrutturali; 1 milione di euro circa
  • Parco Virgiliano: interventi di ristrutturazione; 870 mila euro
  • Lungomare Caracciolo: adeguamento strutturale per le gare di vela; 160 mila euro
  • Tennis Club Napoli: ristrutturazione strutturale; 620 mila euro
  • Stadio Caduti di Brema: ristrutturazione e adeguamento per le gare di football; 1 milione di euro
  • Palazzetto e piscina del PalaDennerlein: ristrutturazione strutturale; 3 milioni di euro
  • Cus Napoli: interventi di ammodernamento; 550 mila euro
  • Mostra d’Oltremare: ristrutturazione e adeguamento strutturale con piscina e tre padiglioni, per l’allenamento e le gare di judo; 2,7 milioni di euro
  • Impianto di Tiro a Segno Nazionale: lavori di ristrutturazione e ammodernamento; 450 mila euro