Lei riscuoteva, lui minacciava chi non pagava: arrestata coppia di usurai a Torre del Greco. I nomi

Immagine di repertorio

Nella giornata di oggi il personale del Commissariato di Torre del Greco, di concerto con personale della Sezione di P.G. presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torre Annunziata, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di Salvatore Perfetto e Mariarca Camelia, entrambi di Torre del Greco, responsabili a vario titolo di usura ed estorsione, nonché solo per Salvatore Perfetto, di porto abusivo di arma da guerra. L’indagine traeva spunto dall’arresto dell’uomo, eseguito lo scorso settembre, poiché resosi responsabile di lesioni gravi ai danni di Antonio Pandolfi, ferito con un colpo di pistola cal. 9×21 alla gamba destra.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torre Annunziata, supportate da numerose attività tecniche di intercettazione e corroborate da attività di perquisizione, sequestri ed analisi documentale, consentivano di acquisire un chiaro quadro probatorio a carico dei due indagati in ordine ad un’attività usuraia ed estorsiva nei confronti di svariati imprenditori locali.

In particolare Salvatore Perfetto prestava il denaro alle vittime pretendendo un interesse mensile del 10% (120% su base annua) ed arrivando a minacciare, intimidire e percuotere le sue vittime in caso di ritardi nei pagamenti. Nel contempo Mariarca Camelia concorreva nella gestione dell’ attività illecita, e nel periodo della detenzione di Perfetto si faceva carico personalmente della riscossione delle “rate”.

Tra l’altro proprio nella disponibilità della donna venivano rinvenuti e sequestrati i titoli versati a “garanzia” dalle vittime.

Nella mattinata odierna gli stessi venivano catturati ed associati alle rispettive case circondariali di Napoli e Pozzuoli.