renato carosone
Scarpetta interpreta Carosone nel film su Rai1

A cento anni dalla nascita di Renato Carosone, Rai Uno trasmetterà giovedì 18 marzo in prima serata un film dedicato ad grande musicista e cantante napoletano conosciuto in tutto il mondo.

Carosello Carosone

Il film dal titolo “Carosello Carosone”, che riprende il nome del primo album pubblicato dal musicista nel 1954, è diretto dal regista Lucio Pellegrini (una produzione Groenlandia con Rai Fiction) con musiche curate dal maestro Stefano Bollani. Tratto dal libro “Caronissimo” di Federico Vacalebre (edito da Arcana Editore).

L’erede di Scarpetta nei panni del musicista

Ad interpretare Carosone c’è l’attore napoletano Eduardo Scarpetta, trisnipote omonimo del grande commediografo. Al suo primo ruolo da protagonista, lo abbiamo già potuto apprezzare nella serie tv “L’amica geniale”. Con lui, Vincenzo Nemolato (Paradise, Gomorra – La serie) che interpreta il ruolo di Gegè Di Giacomo, il noto batterista sempre al fianco di Carosone.

Il racconto della vita e della carriera di Carosone

Nel corso di un collegamento web con la stampa Scarpetta racconta “La vicenda parte con un Carosone diciasettene appena diplomato in pianoforte a Napoli al conservatorio di San Pietro a Majella e giunge fino a quando si ritirerà dalle scene a soli 39 anni al culmine del successo”. “La storia – continua l’attore – si soffermerà anche nel narrare dell’uomo oltre che del musicista. Particolare è la sua avventura professionale in Africa, anni meno noti ma di vitale importanza per la sua vita, soprattutto privata. Infatti qui conosce sua moglie Lita Levidi (Ludovica Martino).

Stefano Bollani, che cura le musiche del film, rivela “Quando avevo 11 anni scrissi una lettera a Crosone e rispose dicendomi di studiare prima di tutto il blues”.

Un successo internazionale

Pianista classico e jazzista, è stato uno dei maggiori autori e interpreti della canzone napoletana e della musica leggera italiana nel periodo collocabile tra il secondo dopoguerra e la fine degli anni novanta, avendo fuso i ritmi della tarantella con melodie africane e americane e creato una forma di macchietta, ballabile e adeguata ai tempi.

Tra i suoi maggiori successi si ricordano: Torero, Caravan petrol, Tu vuò fà l’americano, ‘O sarracino, Maruzzella e Pigliate ‘na pastiglia. Carosone è stato anche uno dei due cantanti italiani (l’altro è stato Domenico Modugno) ad aver venduto dischi negli Stati Uniti senza inciderli in inglese.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.