Verso il voto a Mugnano, stasera riunione cruciale nel Pd: ‘dentro o fuori’ per Sarnataro e Schiattarella

Dentro o fuori: stasera riunione decisiva all’interno del Partito Democratico di Mugnano per sancire chi sarà il candidato a sindaco della coalizione di centrosinistra, a guida democrat, per le prossime amministrative. In lizza ci sono il primo cittadino uscente Luigi Sarnataro e il presidente dell’Assise Pierluigi Schiattarella.

Sarnataro non ha ancora sciolto la riserva per la ricandidatura mentre Schiattarella ha ufficializzato la sua disponibilità in una precedente riunione democrat.

Secondo i rumors qualora dovesse prevalere uno tra Sarnataro e Schiattarella, l’altro potrebbe comunque correre per il massimo scranno del Comune. Entrambi sarebbero pronti a creare un’altra coalizione e a sfidare il centrosinistra lasciando il Pd. Da questa contesa sembra essersi defilato Andrea Cipolletta ma l’ex segretario del Pd continua a lavorare sottotraccia coltivando le sue aspirazioni politiche.

PRIMO SCENARIO: SARNATARO FUORI DAL PD

La coalizione di Sarnataro potrebbe contare su alcuni componenti dell’attuale maggioranza tra cui Ciro Terribile, ex Città IdealePasquale Liccardo e Giovanni Menna di Progetto DemocraticoNello Romagnuolo e Vincenzo Giordano di Periferia Attiva. Inoltre potrebbe ricevere il sostegno degli assessori Dario Palumbo, Valentina Canditone e di Vincenzo Massarelli, creatore della nuova lista Italia in Comune. Potrebbero uscire dal Pd anche alcuni suoi fedelissimi come l’assessore Rita Esposito ed i consiglieri Giovanni Mauriello e Marcello Toscano.

SECONDO SCENARIO: SCHIATTARELLA FUORI DAL PD

Il presidente del consiglio ha già creato la lista ‘+ Mugnano’ e sta interloquendo con le altre forze civiche del territorio. Sono intensi i contatti tra Schiattarella e gli attivisti di Voce ‘e popolo, comitato ideato da Mario Imbimbo, entrambi uniti dal nemico Sarnataro. Un accordo del genere gli porterebbe coalizione anche il Movimento Cinque Stelle, la lista dei Verdi di Mario Mauriello e quella di Carmine Iazzetta.

L’AGO DELLA BILANCIA

La coalizione Mugnano 2020 guarderebbe con interesse alla candidatura a sindaco di Schiattarella, così come emerse già a dicembre dall’endorsement pronunciato dal consigliere comunale Ezio Micillo. Qualche giorno dopo il politico democrat aprì al mondo civismo mandando il primo segnale di dissenso nei confronti di Sarnataro. Per il giovane medico sarà difficile tenere insieme i due fronti civici poichè sono divisi dalle candidature regionali. SiaAmo Mugnano e la lista di Micillo appoggeranno alle Elezioni Regionali Giovanni Porcelli mentre Iazzetta, presente nel Comitato Voce ‘e Popolo, si candiderà nella lista Cittadino sud.

Il fronte è politico è interessato a creare una larga coalizione per favorire l’approdo di Porcelli a palazzo Santa Lucia. Un centrosinistra unito e compatto potrebbe essere sancito dal Patto di Natale che resterebbe ancora in piedi con Sarnataro.  La Coalizione 2020 rimane alla finestra in attesa dell’epilogo della contesa di stasera all’interno del Pd, intanto tengono alto il pressing sui democrat.