Carcere Santa Maria Capua Vetere
Carcere Santa Maria Capua Vetere

Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha disposto la scarcerazione dell’agente della Polizia Penitenziaria Angelo Bruno, 55 anni, finito in carcere, lunedì 28 giugno scorso su ordine del gip Sergio Enea nell’ambito dell’indagine della Procura sulle violenze ai danni di detenuti avvenute nel carcere di Santa Maria Capua Vetere il 6 aprile 2020. Per Bruno  disposto l’obbligo di dimora nel comune di residenza.

 

Il giudice ha accolto, nonostante il parere contrario degli inquirenti, l’istanza urgente presentata da Rossana Ferraro, avvocato di Bruno. Nell’istanza allegato documentazione attestante che il 55enne, nel marzo 2021, era stato riformato dal Corpo della Penitenziaria a causa di una patologia agli arti

Garante, pm hanno immagini ancora più raccapriccianti sulle violenze in carcere

“Le foto e le immagini viste sono solo una parte, quelle più raccapriccianti ce le ha solo la Procura”. Così il garante campano dei detenuti, Samuele Ciambriello, in conferenza stampa sui fatti di Santa Maria Capua Vetere.

“Le immagini sul carcere di Santa Maria Capua Vetere non avrei mai voluto vederle”. Così il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese intervenuta a Trentola Ducenta (Caserta) per l’inaugurazione della mostra fotografica “Diego Armando Maradona, il riscatto sociale attraverso lo sport”. “Su questa vicenda – aggiunge il ministro – le indagini della magistratura faranno il proprio corso, però bisogna anche dire che non possiamo criminalizzare un intero corpo della Polizia Penitenziaria sulla base di alcune persone” conclude la responsabile del Viminale.

Così il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese intervenuta a Trentola Ducenta (Caserta) per l’inaugurazione della mostra fotografica “Diego Armando Maradona, il riscatto sociale attraverso lo sport”.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.