23.1 C
Napoli
sabato, Maggio 21, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Incastrato dal pentito del clan Moccia, scarcerato Genny o pit


La Corte di Appello di Napoli, Quinta Sezione Penale, ha disposto la scarcerazione di Gennaro Piscitelli noto come “Genny o pit”. Era stato condannato dal tribunale di Napoli nord a 5 anni di reclusione, sentenza di condanna confermata poi dalla Corte di Appello di Napoli. I giudici d’Appello hanno accolto l’istanza formulata dall’avvocato Dario Carmine Procentese, il quale ha fatto leva sull’affievolimento delle esigenze cautelari.

A carico di Piscitelli anche le recenti dichiarazioni di Puzio Michele, storico senatore del clan Moccia, collaboratore di giustizia dal febbraio del 2020, il quale ha riferito della militanza storica del Piscitelli nella a consorteria criminale afragolese. In particolare agli inquirenti Puzio riferiva di aver sostenuto economicamente Piscitelli mentre questi era rinchiuso in carcere. Ed ancora il nome di Piscitelli emergeva anche dagli atti di un’altra inchiesta in quanto veniva intercettato mentre era ristretto presso il carcere di Poggioreale, al telefono con Tommaso Russo meglio noto come “Tommaso o lacc”, indagato numero uno per l’omicidio di Atimo Giarnieri ucciso per errore nel luglio del 2020.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Antonio Mangionehttp://www.internapoli.it
Giornalista pubblicita iscritto dalll'ottobre 2010 all'albo dei Pubblicisti, ho iniziato questo lavoro nel 2008 scrivendo con testate locali come AbbiAbbè e InterNapoli.it. Poi sono stato corrispondente e redattore per 4 anni per il quotidiano Cronache di Napoli dove mi sono occupato di cronaca, attualità e politica fino al 2014. Poi ho collaborato con testate sportive come PerSempreNapoli.it e diverse testate televisive. Dal 2014 sono caporedattore della testata giornalistica InterNapoli.it e collaboro con il quotidiamo Il Roma
- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Butta i pannoloni sporchi sul balcone di 2 anziani, per smettere chiede 20mila euro

I carabinieri della stazione di Rieti hanno denunciato un 85enne del luogo, incensurato e insospettabile, per il reato di...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria