18.5 C
Napoli
martedì, Settembre 27, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

La verità sulla foto di Scauri, Teresa e Sonia protagoniste della storia di solidarietà


Lo scatto della “donna con la bambina”, diventato virale in poche ore, nasconde in realtà una storia più “complessa” che spiega l’importanza del citare le fonti. La foto pubblicata da Milena Tortora (ndr) è diventata virale in poche ore. La sua storia ricca d’emotività e solidarietà ha subito colpito i “cuori social”. Condivisa da influencer e raccontata da svariate testate giornalistiche la storia di Teresa e Sonia è diventata “virale”. Vi è però, dietro il racconto, un dettaglio venuto allo scoperto successivamente grazie ad una serie di “indagini” di ‘fact-checking’.

La storia dello “scatto di Scauri”

La foto ritrae una donna in costume, sullo sfondo la riva del mare e qualche barchetta, tra le sue braccia una bambina. Quella che sembra una semplice scena quotidiana è in realtà una storia di solidarietà e rispetto raccontata proprio nella descrizione del post. “Spiaggia di Scauri, agosto 2022, lei si chiama Teresa ha poco meno di 30 anni, due figli adolescenti e in braccio una bimba nera di circa 18 mesi, si chiama Sonia. Mi guardo attorno e cerco sua madre. Ma donne africane nemmeno l’ombra” così inizia il racconto. La donna racconta quindi di essere incuriosita dalla storia della donna e della splendida bambina dalla pelle color ebano, al punto tale da avvicinarsi per sapere qualcosa in più sul loro legame.

E così mi avvicino ed ammirando Sonia, che dorme appaciata e serena, cerco di sapere: ‘la madre è una giovane donna del Senegal che lavora sulle spiagge, vende abiti, fa treccine, e Sonia andava in giro con lei sotto al sole tutto il giorno.” dice Teresa “così pian piano la tenevamo noi, un giorno, poi due, poi tre. Prima per qualche ora, poi la bimba era contenta e così la madre me l’ha affidata’“. Così l’autrice dello scatto viene a conoscenza della stupenda storia di Teresa, Sonia e le loro splendide famiglie. “Una storia di solidarietà, una cura al contrario non un immigrata che cresce i figli della signora bianca al mare, ma una famiglia napoletana che gratuitamente cresce una bambina figlia di immigrati. Questa storia é un esempio di amore senza confini e senza pregiudizi” così conclude il post.

La vera “autrice” del post di Scauri

La foto è diventata virale il 17 agosto, o meglio è stato il post di Milena Tortora a raggiungere cifre da record il sopracitato giorno. Nella realtà però né lo scatto né le parole sono di ‘Milena Tortora’. Il post originale è stato infatti pubblicato il giorno 10 dello stesso mese da Carola Flauto. Quest’ultima è una docente ed autrice alla quale spesso piace raccontare di scene quotidiane. Carola Flauto ha infatti pubblicato la foto e la descrizione della storia sul suo profilo che però all’epoca era “privato”, cioè non visibile a tutti gli utenti ma ai soli follower.

La foto e la descrizione sono state quindi entrambe “rubate” alla docente che ha poi deciso di mettere il suo profilo in modalità “pubblica” così da poter palesare a tutti l’errore. Carola ha scattato la foto ed è proprio la sua “penna” anzi “tastiera” ad aver raccontato la splendida vicenda di Teresa e Sonia. La veridicità dei fatti raccontati da Carola è avvalorata dall’esistenza di ulteriori scatti della donna e della bambina in possesso di Carola. Quest’ultima ha infatti mostrato questi scatti a chi ha deciso di andare a fondo nella vicenda, per dimostrare la sua totale buona fede. E’ stata infatti Carola a chiedere il permesso per la pubblicazione a Teresa. Necessario è quindi citare la fonte, qualora non fosse propria, di qualsiasi post o foto si ricondivida per evitare spiacevoli inconvenienti e soprattutto per dare il giusto meriti.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Campania, i nomi dei senatori e deputati eletti nei collegi plurinominali

Arriva il dato definitivo sul sito Eligendo sulla distribuzione dei seggi anche nei collegi plurinominali. In Campania 1 il...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria