Operaio dello stabilimento Fca di Pomigliano d’Arco positivo al coronavirus

Un addetto dell’area metrologia dello stabilimento Fca di Pomigliano d’Arco è risultato positivo al tampone del Covid19. Il lavoratore, secondo quanto confermato anche dalla multinazionale automobilistica, era assente dal lavoro già dal 5 marzo scorso, per cause legate alla Cig in atto nello stabilimento.

L’azienda ha già attivato tutti i protocolli necessari e allertato i lavoratori che erano stati in contatto con il contagiato per avviare la procedura di isolamento. Secondo quanto si è appreso, il dipendente positivo al Covid19 lavora in un’area frequentata da pochi operai.

Fca chiuderà temporaneamente alcuni impianti italiani nell’ambito delle misure per contrastare la diffusione del Coronavirus. Si fermeranno le fabbriche di Pomigliano oggi, giovedì e venerdì, Melfi e la Sevel giovedì, venerdì e sabato, Cassino giovedì e venerdì. Tutti gli stabilimenti italiani saranno coinvolti in interventi straordinari. Lo stabilimento si fermerà da oggi e fino al 16 marzo per consentire le “applicazioni organizzative previste dal decreto governativo” in tema di coronavirus, dice Aniello Guarino, coordinatore del settore Automotive per la Fim di Napoli.

“Abbiamo chiesto di far rispettare tutte le norme previste dal decreto del Governo – ha spiegato Guarino – proponendo una fermata temporanea per consentire le applicazioni organizzative. Pertanto si è deciso per la sospensione lavorativa per lo stabilimento di Pomigliano dal primo turno di oggi con rientro il 16 marzo, mentre a Nola e al reparto presse la sospensione riguarderà solo la giornata di oggi. Il reparto affidabilità invece lavorerà regolarmente”.