“Paga” un diamante da 52 mila euro con un assegno falso, 42enne napoletano arrestato a Milano

La polizia ha arrestato per truffa un 42enne dopo che l’uomo è riuscito a rubare, presentando un assegno falso, un diamante dal valore di 52mila euro alla gioielleria ‘Scavia’ in via della Spiga, nel cuore del quadrilatero della moda di Milano. Il truffatore è stato bloccato sui binari della stazione Centrale mentre stava per salire a bordo di un treno con la refurtiva.

Il raggiro è stato molto articolato ed è iniziato alcuni giorni fa, quando l’uomo ha chiamato il negozio dicendo di essere interessato all’acquisto del prezioso diamante. Il 42enne si è quindi presentato in gioielleria alle 11 di ieri mattina, 29 agosto, e ha consegnato un assegno da 52mila euro, attendendo alcuni minuti per consentire al dipendente incaricato degli incassi di portarlo alla vicina banca per verificarne l’autenticità. Il direttore della filiale ha quindi chiamato la sede dell’Istituto di credito cooperativo che aveva emesso l’assegno, ricevendo la conferma della validità da un responsabile. Ancora dubbioso, il direttore ha effettuato una seconda chiamata, ottenendo nuovamente la stessa risposta dalla stessa persona. A quel punto, al cliente è stato permesso di uscire con la preziosa pietra.

Il bancario, però, ha telefonato per l’ultima volta alla filiale, stavolta scegliendo il numero del centralino trovato su un’altra pagina internet. La verità è così venuta a galla: l’assegno era falso. L’ipotesi è che un complice del truffatore sia riuscito a intercettare la linea reale della banca e abbia finto di essere un dipendente. La polizia è riuscita a bloccare il 42enne sui binari della stazione Centrale mentre stava per salire su un treno. A tradirlo è stata l’informazione fornita a un addetto alla sicurezza della gioielleria nell’attesa: “Tra poco prendo il treno”.