Secondini corrotti, droga e pizzini in carcere: arresti tra Secondigliano, Acerra, Afragola e Napoli

Operazione avvenuta alle prime ore dell’alba di ieri, condotta dal comando provinciale dei carabinieri di Latina in collaborazione con la polizia penitenziaria della Casa Circondariale. Sono 34 le misure cautelari emesse dal gip del Tribunale di Latina nei confronti di altrettante persone ritenute responsabili, a vario titolo, di spaccio di sostanze stupefacenti, corruzione, falso ideologico. Nell’indagine sono coinvolti anche due operatori della locale casa circondariale di Latina (un agente e un ispettore) e personaggi di spicco della criminalità pontina.

L’attività di indagine, partita nel 2017, si è articolata in due filoni connessi tra loro. Da un lato i carabinieri si sono concentrati su quanto avveniva all’interno del carcere, in collaborazione con la polizia penitenziaria che aveva riscontrato alcune irregolarità, e dall’altro sull’organizzazione che si dedicava allo spaccio nel circondario e che dall’esterno riusciva a far entrare nel penitenziario tra l’altro stupefacenti e cibi prelibati, come si legge su Il Messaggero.

In particolare i carabinieri hanno eseguito 34 ordinanze di custodia cautelare di cui 30 in carcere e quattro ai domiciliari. In manette sono finiti anche due agenti della polizia penitenziaria. Molte delle persone coinvolte era uscite dal penitenziario, due di loro erano invece ancora in carcere.

I due ricercati che erano riusciti a sfuggire all’arresto, braccati dai carabinieri, hanno deciso di costituirsi pochi minuti fa. Sono Salvatore Di Girolamo, 56 anni, e Angelo Di Girolamo, 30 anni, padre e figlio. Il primo, considerato un esponente di spicco del clan Di Lauro di Secondigliano.

Tra i destinatari delle misure cautelari ci sono anche napoletani, due dei quali residenti in provincia. Si tratta di Gennaro Amato, 54 anni di Afragola e Gioacchino Iazzetta, 31 anni di Acerra.

Questi i destinatari delle misure cautelari riportati da Latina 24 ore.

Già detenuti in carcere a Latina: Angelo Travali, 33 anni di Latina; Salvatore Travali, 29 anni di Latina, Antonio Di Noia, 38 anni di Latina; Massimiliano Del Vecchio, 35 anni di Fondi; Gennaro Amato, 54 anni di Afragola

In carcere: Franco Zinni 56 anni di Roma, ispettore presso il carcere di Latina, in pensione da qualche mese; Gianni Tramentozzi, 50 anni di Terracina agente della polizia penitenziaria; Angelo Petrillone, 50enne di Sabaudia; Simone Petrillone, 25enne di Priverno; Riccardo Petrillone, 27enne di Latina; Nicoletta Torri, 44enne di Terracina; Martina Giacomelli, 23enne di Roma; Eduard Lala, 26enne albanese; Michael Consoli, 31enne di Sezze; Adriatik Deda, 41enne albanese; Endri Collaku, 28enne albanese; Gioacchino Iazzetta, 31enne di Acerra; Antonio Sellacci, 54enne di Sonnino; Mauro Guerrieri, 42enne di Sonnino; Francesco Falcone, 48enne di Latina; Luca Pintus, 36enne di Sezze; Stefano Venditti, 26enne di Latina; Emauele Pagliaroli, 28enne di Terracina; Mario Braganti, 25enne di Fondi; Niko Tamburo, 28enne di Terracina; Marco Quattrociocchi, 36enne di Latina; Saverio Dei Giudici, 30 anni, Terracina; Ndricim Lalaj, 29 anni, albanese; Salvatore Di Girolamo, 56 anni, di Napoli; Angelo Di Girolamo,30 anni, di Napoli.

Agli arresti domiciliari: Maria Spina, 61enne di Napoli; Rachele Sellacci, 31enne di Sezze; Andrea Lazzaro, 46enne di Latina; Eneida Skendo, 28enne albanese.