Il Napoli ha l’obbligo di risollevare la testa in campionato e rientrare in corsa per un posto nell’Europa che conta. I punti in classifica, al momento, condannano gli azzurri che nelle ultime uscite non hanno pienamente convinto sul piano del gioco, almeno per quanto concerne la stagione in Serie A.

Eppure, stando alle statistiche del massimo campionato, quello del Napoli resta uno degli attacchi migliori e più performanti. I partenopei, infatti, guidano la classifica delle squadre che tirano di più nella porta avversaria (quasi una volta in più a partita di Atalanta, Inter, Juventus e Milan). Anche per quanto riguarda il dato relativo alle performance della fase difensiva, il Napoli si piazza tra le prime della classe per quanto riguarda il numero delle azioni offensive subite dagli avversari. La situazione in classifica, purtroppo per i campani, non rispecchia questo trend. Anzi, le sette sconfitte raccolte dagli azzurri nelle prime venti giornate di campionato rappresentano il peggior record tra le prime dieci squadre della classifica.

Ma i numeri e le cifre appena delineate devono spronare Insigne e compagni a fare di più e meglio. Insomma, il destino dei partenopei in questa stagione è ancora tutto da scrivere, anche perché trapela ancora molto ottimismo dalle quote Napoli per quanto riguarda la lotta per i primi quattro posti della classifica di Serie A.

Dodici mesi fa, il Napoli (con Rino Gattuso appena subentrato in panchina a Carlo Ancelotti) era alle prese con il momento peggiore della sua stagione e con una serie di tre sconfitte di fila in campionato che aveva fatto precipitare gli azzurri al quattordicesimo posto, a quota 24 punti in classifica.

Da quel punto in poi sarebbe cominciata la risalita in classifica (con sette vittorie nelle successive otto gare di Serie A) che avrebbe portato Dries Mertens e soci quasi a ridosso della zona Champions. L’obiettivo quest’anno è di ripetere quella scalata e, chiaramente, di concluderla con il migliore dei risultati possibili.

Per questo motivo, da ora in avanti non saranno ammessi più errori. La squadra quest’anno è stata puntellata sul mercato per far bene sin da subito. E poco importa se, almeno sinora, i risultati non hanno premiato pienamente il lavoro compiuto dagli uomini di Gattuso. Invertire la rotta è ancora possibile ma sarà necessario che tutti, dai giocatori allo staff tecnico e sino alla dirigenza, facciano un bagno di umiltà. Per il bene della squadra, per il futuro della società

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.