26.5 C
Napoli
giovedì, Giugno 30, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ciro Ascione, l’ultima foto prima di morire. Una telefonata anonima ha avvertito del suo decesso, la verità dall’autopsia


Dolore e incredulità tra i familiari di Ciro Ascione, il 16enne di Arzano il cui corpo senza vita è stato trovato a margine dei binari poco prima della stazione di Casoria. Un giallo in piena regola, con la Procura di Napoli Nord che pende per l’ipotesi dell’incidente o per quella più grave dell’omicidio, mentre viene escluso che possa essersi suicidato. Anche per il padre del ragazzo, Salvatore, “non è stato un suicidio: Ciro è stato lanciato dal finestrino del treno”. Anche lo zio esclude categoricamente questa ipotesi: “aveva anche una fidanzatina, ed era molto felice per questo”.
Sabato pomeriggio Ciro è uscito proprio per incontrare la ragazzina: i due avevano preso appuntamento in pieno centro a Napoli, in via Toledo, e si erano poi separati verso le 20.45. Da lì Ciro ha raggiunto piazza Garibaldi, dove ha sentito telefonicamente i genitori; una telecamera lo ha ripreso proprio mentre entrava in stazione e passava davanti alla libreria Feltrinelli.

Intanto stasera si terrà una fiaccolata per chiedere verità e giustizia sul caso di Ciro (CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO SULLA FIACCOLATA)

Sulla vicenda ci sono tanti punti oscuri. Ieri è stata ascoltata la ragazza di Ciro per sommarie informazioni dalla polizia, a cui ha raccontato che, giunti nei pressi della Metro, ha notato un gruppo di ragazzini armati di un coltellino. La giovane ha raccontato di essere rimasta molto turbata e di essersi impressionata in quel momento. Un racconto che potrebbe essere collegato alle ultime ore di vita di Ciro. Ascoltato anche il personale della polizia ferroviaria.
La drammatica ipotesi è che il 16enne sia stato affrontato da una o più persone e sia stato scaraventato dal treno. Per quale motivo? Rapina? Vendetta? Quello che è certo è che la polizia è giunta sul posto dove è stato ritrovato il cadavere tramite la cella del telefonino. Una telefonata anonima aveva annunciato pochi giorni prima il suo decesso. A quel punto la polizia si è messa sulle sue tracce ed, attraverso il cellulare, è riuscito a risalire al corpo nei pressi della stazione di Casoria.
L’autopsia sarà effettuata domani, dall’esame si capirà se le ferite accertare sul suo corpo siano compatibili ad una caduta accidentale o se, invece, sia stato picchiato da qualcuno e lanciato dal treno.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

«Un regalo per gli amici», blitz in provincia di Napoli: due arresti per racket

Nel corso della notte, a Marigliano ed Orta di Atella, i militari della Compagnia di Castello di Cisterna hanno...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria