De Luca parla delle ecoballe
De Luca parla delle ecoballe

Nello Stir di Caivano è partita la prima linea per la trasformazione di ecoballe in combustibile secondario solido che dovrà essere utilizzato nelle centrali elettriche o in altri impianti di termovalorizzazione nel resto d’Italia. “Questo è un altro passo in avanti nel programma di eliminazione delle ecoballe dal territorio della regione Campania”, dichiara il presidente De Luca sui social che spiega il piano.

“Complessivamente avevamo 4.3 milioni di tonnellate di ecoballe stoccate negli ultimi 30 anni. Ne abbiamo già trasportato fuori regione circa 1 milione di tonnellate. Nel rimangono 3.3 milioni. È uno sforzo gigantesco perché in questi anni il mercato dei rifiuti si è chiuso in tutto il mondo, quindi è diventato complicato trasportarli fuori regione.

Con questo impianto lavoriamo 400mila tonnellate l’anno. Partirà a breve (verosimilmente inizio anno prossimo), un secondo impianto nell’area di Giugliano.

Ricordiamo che l’Italia continua a pagare una multa all’Unione Europea di 130mila euro al giorno. L’impianto di Caivano ci consentirà di ridurre di un terzo la sanzione europea. Con l’altro impianto di Giugliano, ridurremo ancora di più la sanzione europea e quando avremo i primi impianti di compostaggio sarà cancellata l’ammenda che viene comminata all’Italia per reato ambientale: è un programma gigantesco, che prevede gli impianti, sia di produzione di combustibile solido da mandare nelle centrali elettriche, sia agli impianti di compostaggio per il trattamento dell’umido.

È uno degli interventi strategici che ci siamo impegnati a realizzare per fare della Campania la regione più verde d’Italia”.

Il comitato Kosmos in piazza

Intanto proprio oggi il comitato Kosmos scende in piazza. Ha invitato i sindaci, gli amministratori ma soprattutto i cittadini esasperati che vivono a nord di Napoli e nell’area dell’agro aversano ad un momento di confronto e dibattito pubblico circa la visione del futuro dei nostri territori in tema di ambiente e salute.

“Il comitato, nel rinnovare l’invito all’appuntamento di stasera alle 19 in piazza Matteotti, a Giugliano, è felice di comunicare ai cittadini che sarà occasione per avere risposte e ascoltare proposte concrete da parte anche e soprattutto delle amministrazioni che hanno confermato la propria adesione e presenza stasera.

Tra queste, saranno presenti i sindaci di Parete, Casapesenna, Villa di Briano, Lusciano, Cesa, San Cipriano d’Aversa, Casal di Principe, Marano ed un portavoce per il comune di Qualiano. Tanti altri sindaci dell’area a Nord di Napoli stanno confermando la propria presenza stasera o stanno provvedendo a delegare un amministratore che rappresenti le volontà della città che rappresentano.

La ristrutturazione ecologica deve vederci tutti uniti, motivati ma soprattutto fattivi e presenti, nelle parole e nei fatti. Stasera sarà sicuramente un momento per rinsaldare impegni e ascoltare le comunità che vogliono assoluta attenzione al tema di tutela ambientale e sanitaria”

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.