Prevenzione Coronavirus a Napoli, al via la sanificazione dello stadio San Paolo

san paolo
san paolo

Partirà domani mattina l’opera di sanificazione dello stadio San Paolo, come prevista dall’ordinanza emanata dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris. L’impianto di Fuorigrotta rientra nell’elenco degli edifici pubblici comunali da disinfettare. Lo stadio deve essere ‘pronto’ per giovedì, quando ci sarà in programma la sfida tra gli azzurri e l’Inter, valevole per l’accesso in finale di Coppa Italia. Gli operai specializzati interverranno nelle aree più sensibili, soprattutto quelle interne, come le gradinate di accesso e i servizi igienici, che hanno una minore aerazione.

«Come istituzione non abbiamo ricevuto inviti che vanno in questo senso per la Coppa», spiega ai microfoni della Radio ufficiale l’assessore allo sport, Ciro Borriello. «Noi, tra l’altro, non abbiamo sospeso le attività», aggiunge in riferimento allo svolgimento di altre discipline all’interno dell’impianto nel corso della settimana (dall’atletica alle arti marziali). «Voglio ricordare che il Comune di Napoli è stato il primo ente ad aver previsto una sanificazione degli istituti scolastici, e gradualmente arriveremo anche agli impianti sportivi. Detto questo, non significa che li chiuderemo». Per la precisione, al San Paolo è di norma eseguita una sanificazione degli spogliatoi. «Napoli-Inter è più una questione di ordine pubblico che di Coronavirus. Far disputare una gara a porte chiuse è sempre una scelta complicata».

Cinese al San Paolo si alza e grida: «Non ho il Coronavirus»

In un clima di terrore mondiale, l’incredibile siparietto andato in scena ieri al San Paolo ha fatto il giro dei social. In uno stadio super pieno per il big match di Champions League tra Napoli e Barcellona, un tifoso azzurro di nazionalità cinese, si è alzato poco prima della partita e ci ha tenuto a precisare ‘Io non ho il Coronavirus’.

La reazione dei napoletani ribalta i luoghi comuni ed il clima persecutorio e razzista che si sta vivendo negli ultimi giorni. La dichiarazione dell’uomo, infatti, è stata accolta con sorrisi ed un lungo applauso.