Da sinistra Matteo Balzano, Salvatore Scarpellini, Gianluca D'Errico, Giovanni Borriello e Luca Covelli

Una vera e propria mazzata. Quella inflitta questo pomeriggio per i ras e gli affiliati al gruppo di ‘Abbasc Miano’, cartello costituitosi negli anni scorsi dalle ceneri del vecchio clan Lo Russo: in totale 300 anni e più di carcere per i componenti del gruppo guidato dal triumvirato costituito dai ras Matteo Balzano, Gianluca D’Errico e Salvatore Scarpellini. Il giudice Marcello De Chiara ha comminato inoltre anche multe per quasi 52mila euro e riconosciuto risarcimenti nei confronti del Comune di Napoli che si era costituito parte civile. Il processo di primo grado, con rito abbreviato, riguardava una parte
consistente della camorra di Miano, quella che si è poi contrapposta ai Cifrone-Tipaldi della ‘Miano alta’.

Per quanto riguarda le condanne le pene più pesanti hanno interessato proprio i capi del gruppo. Balzano è stato condannato a 20 anni, 19 anni e 4 mesi per Salvatore Scarpellini mentre Gianluca D’Errico ‘Fragolino’ è stato condannato a 19 anni. Queste le altre condanne: Alessio Peluso, 10 anni e 8 mesi; Alessio Sepe, 8; Giovanni Borriello, 11; Angelo Contiello, 11; Patrizio D’Aria, 12 anni e 8 mesi, Francesco Gervasio, 13 anni e 2 mesi; Christian Patierno, 11; Giuseppe Falcone, 12 anni e due mesi; Ciro Mallardo, 11 anni e 4 mesi; Pasquale Silvestri, 12 anni; Martina Torre, 2 anni; Salvatore Sansone, 11 anni e 2 mesi; Alberto Natale, 12; Arcangelo Vitale, 2 anni e 8 mesi; Angelo Pesacane, 6 anni e 8 mesi; De Marinis Salvatore, 8 mesi; Gaetano Garnier, 2 anni e 6 mesi; il collaboratore di giustizia Luca Covelli ha invece rimediato 8 anni mentre Maria Trambarulo è stata assolta dall’accusa di associazione di matrice camorristica e condannata solo per ricettazione a 2 anni e 8 mesi. Nel collegio difensivo gli avvocati Leopoldo Perone, Domenico Dello Iacono, Saverio Campana, Raffaele Chiummariello e Dario Carmine Procentese.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.