Truffe alle assicurazioni per il clan, 4 assolti e una condanna: sono di Giugliano e del Casertano

Flop per l’inchiesta sulle truffe assicurative. Alla sbarra c’erano diversi imputati di Villa di Briano, Macerata Campania, San Tammaro, Giugliano, Caserta. Come riporta EdizioneCaserta il processo di primo grado si è concluso con una sola persona condannata e il resto tutti assolti. Nove anni di reclusione per Luigi Sportiello, assolti Vincenzo Bruno, Attilio Pellegrino, Massimo Racioppoli, Luigi Moraca e Massimo Mincione.

Si tratta di un’indagine dei Ros partita nell’ambito della cattura di Michele Zagaria. Vennero fermate 17 persone ritenuti organici ad un’organizzazione dedita alla produzione e commercializzazione di false polizze assicurative per la Rca, riportanti il logo di note compagnie del settore, come Unipol, Sara Assicurazioni, Generali Assicurazioni. Le indagini fecero emergere come il sodalizio sin dagli inizi di settembre 2011 avesse destinato risorse economiche, uomini e mezzi per produrre, e poi commercializzare, polizze false nei territori di Casapesenna, San Cipriano e località limitrofe. Dalla ricostruzione del giudice oggi è emerso che vi era un gruppo di persone che effettivamente non sapeva che vendeva le cosiddette polizze di 5 giorni false